In ospedale per una sospetta cistite ma scopre di essere incinta: nasce una bimba

È avvenuto qualche giorno fa all’ospedale di Caserta

E’ andata d’urgenza in ospedale per forti dolori al basso ventre, che le hanno fatto pensare ad una cistite, ma ha avuto una sorpresa inattesa: quella di scoprirsi incinta, e quasi a fine ciclo, alla trentatreesima settimana, tanto da essere portata immediatamente in sala operatoria per un cesareo in seguito al quale ha dato alla luce una bellissima bambina.

Pubblicità

L’episodio è avvenuto qualche giorno fa all’ospedale di Caserta, protagonista la 42enne Manuela De Santi, che ha chiamato la sua bimba Laura. «Dolorante ma felicissima» ha subito scritto sui social la neo-mamma. Una storia, quella di Manuela, che ha dell’incredibile, visto che la 42enne, così come il compagno – i due non hanno altri figli – non si era mai accorta di nulla, tanto da credere di essere ormai in menopausa e di non poter più avere figli.

Quando è entrata al Pronto Soccorso dell’ospedale di Caserta, Manuela era convinta di avere una fastidiosa cistite, e lo ha detto anche ai medici che le avevano chiesto cosa si sentisse. Manuela ha riferito di aver preso delle medicine nei giorni precedenti e di non avere il ciclo mestruale da tempo.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Gli esami e la scoperta

Come accade in questi casi, i medici l’hanno subito sottoposta a ecografia, scoprendo pure loro con sorpresa che quei dolori al ventre accusati dalla donna altro non erano che i movimenti di un feto, e che la gravidanza era iniziata trentatré settimane prima e stava dunque per arrivare alla fine.

In quel momento, dopo aver sentito per la prima volta il battito del cuore della piccola, Manuela è stata colta «da una gioia incontenibile» che «ha preso il posto della paura e dell’incertezza». Al settimo cielo anche il compagno e la madre di Manuela che erano nel corridoio del Pronto Soccorso in attesa dell’esito degli esami.

La nascita della piccola Laura

I medici hanno poi riscontrato problemi alla sacca e alla membrana e hanno deciso di operare d’urgenza la 42enne, facendo nascere la bambina. In sala operatoria si è temuto anche il peggio, visto che i medici non sapevano in che condizioni avrebbero trovato la bimba; per otto mesi la 42enne, non sapendo di essere incinta, non ha infatti preso alcuna precauzione, nè ha fatto delle rinunce dal punto di vista del cibo.

Ma Laura è nata comunque in buona salute, con un peso di due chili e 400 grammi, e dopo quattro giorni in ospedale, è tornata a casa con la madre. E ora sta benissimo ed è coccolata come il dono più inatteso. E’ partita poi anche una gara di solidarietà tra parenti, conoscenti e amici, per acquistare le prime cose utili per la piccola.

Setaro

Altri servizi

Zes unica, Fitto: «In vigore il credito d’imposta. Rilanceremo investimenti al Sud»

Il decreto attuativo pubblicato in Gazzetta Ufficiale Via libera al credito d’imposta per gli investimenti nella Zes unica per il Mezzogiorno. Lo annuncia il ministro...

Europee, Raffaella Docimo: «Con Fdi per rilanciare la Sanità»

La candidata al ilSud24: «Tanti i problemi tra tagli, carenze, burocrazia, liste di attesa, stipendi inadeguati, personale insufficiente» Raffaella Docimo, candidata tra le file di...