L’estorsione in videochiamata dai domiciliari: fermati 3 degli Esposito-Marsicano

L’episodio ai danni di un imprenditore nel settore funerario di Pianura

Estorsione in videochiamata perché costretto agli arresti domiciliari. E’ un particolare emerso dalle indagini coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli su episodi di tentata estorsione ai danni di un imprenditore nel settore funerario di Pianura, quartiere della zona occidentale di Napoli, da parte di esponenti del clan camorristico Esposito-Marsicano-Calone.

Pubblicità

I Carabinieri del Comando provinciale di Napoli hanno eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Dda partenopea, nei confronti di tre uomini ritenuti gravemente indiziati del reato di tentata estorsione.

Secondo quanto ricostruito dalle indagini, i fermati, agli inizi del mese di ottobre, si sono presentati ripetutamente presso l’abitazione del 48enne imprenditore e, minacciandolo di morte con un’arma da fuoco, hanno preteso da lui il pagamento immediato di 2mila euro e il successivo versamento della tassa mensile di 3mila euro. Uno di loro, invece, poiché sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, avrebbe ribadito la pretesa estorsiva mediante una videochiamata alla vittima. I 3 fermati saranno portati nel carcere di Secondigliano, in attesa dell’udienza di convalida.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Secondigliano, fidanzati morti in auto: il padre di Vincenzo suicida nello stesso box

L'uomo si sarebbe tolto la vita con le stesse modalità Si è tolto la vita nello stesso modo, con le stesse modalità con le quali...

Omicidio Coppola, il Riesame respinge il ricorso del presunto mandante

Il legale: «Attendiamo di conoscere le motivazioni» Il tribunale del Riesame di Napoli ha respinto il ricorso presentato dall'avvocato Antonio Bucci, legale di Gennaro Petrucci,...