Federproprietà Napoli

Schiano, Patriarca e Nappi contro Manfredi: «Non sperperi risorse del Salva Napoli»

Pubblicità

I capigruppo di centrodestra in Consiglio regionale: «La nostra idea di sviluppo non è quella della distribuzione delle mance»

«Se il sindaco Gaetano Manfredi ha intenzione di sperperare i soldi del Salva-Napoli per operazioni di clientelismo e per compensare, con incarichi pubblici, l’incapacità palese del centrosinistra cittadino di completare le giunte delle Municipalità o, ancora, per recuperare qualche ex in cerca di stipendio fisso, sappia che avrà una strenua opposizione». A dirlo, a nome di tutti i consiglieri regionali del centrodestra, sono i tre capigruppo del centrodestra in Consiglio regionale: Michele Schiano di Visconti (FdI), Severino Nappi (Lega) e Annarita Patriarca (FI).

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Si ricordi piuttosto, il sindaco Manfredi, che è stato eletto anche Presidente della Città Metropolitana e che, come tale, cominci ad occuparsene sul serio. A cominciare dall’approvazione del Piano Territoriale e dal Piano Strategico che mancano da anni, per finire alle proprie competenze in materia di scuole, di trasporto pubblico e di sostegno vero e non a chiacchiere ai Comuni che in questo momento sono in ginocchio».

«Se la destinazione dei fondi del Salva-Napoli è questa, allora c’è qualcosa che non va – concludono -. La nostra idea di sviluppo non è quella della distribuzione delle mance».

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Napoli, sparatoria nella notte: ucciso il padre del 17enne Luigi Caiafa

Sparatoria nella notte a Napoli. Il bilancio è di un morto e di un ragazzo ferito. Cosa sia avvenuto, in realtà, è ancora tutto...

La colonizzazione continua: Nord e sinistra rubano al Mezzogiorno anche i collegi parlamentari

Nessuna sorpresa se il dibattito politico di Letta & c, non parla del Sud Siamo ormai vicini alla conclusione della più devastante legislatura che la...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook