Federproprietà Napoli

“Mille euro o ti accoltello”, rider minaccia ex datore lavoro

Pubblicità

Minacce via chat, la vittima: “Ho paura”

“Fammi il bonifico da mille euro se no ti costa caro e amaro, t’abbuf (ti riempio) di coltellate…”.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Minacce di morte, di violenza sessuale nei confronti della moglie e, infine, anche un’aggressione, con un coltello, ai danni di un suo collaboratore a cui prima aveva squarciato le gomme: è quanto dichiara di avere subito da un rider che lavorava per lui un imprenditore casertano di 38 anni, titolare di una ditta napoletana di delivery, il quale ha denunciato tutto ai carabinieri di Orta d’Atella.

L’uomo ha iniziato a vantare crediti “fantasma” e quando l’ex datore si è rifiutato di pagare, ha iniziato a tempestarlo di minacce in chat, progressivamente diventate sempre più gravi. Ai carabinieri l’imprenditore ha spiegato di non avere alcun debito con lo stalker e che, addirittura, in un’occasione, ha anche disposto un bonifico da 600 euro nella speranza che il gesto potesse mettere fine alla triste vicenda.

Ai militari, ai quali ha presentato due diverse denunce il 29 luglio e il 2 agosto, ha mostrato i messaggi ricevuti via chat: “Sono disperato, e – scrive nell’ultima denuncia – temo seriamente per la mia incolumità  e per quella dei miei tre figli e di mia moglie in quanto in messaggi audio e video mi ha riferito che doveva violentarla… e quanto accaduto al mio collaboratore dimostra che ormai dalle parole è passato ai fatti”.

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

L’incredile avventura Mixed by Erry: il nuovo film di Sydney Sibilia

Da un basso napoletano l'ascesa e la caduta di Enrico Frattasio Una storia di passione e sogni che da un basso di Napoli diventa un’incredibile...

Vuole fuggire con una 13enne e minaccia la famiglia: arrestato

L'uomo avrebbe instaurato un «rapporto affettivo virtuale» con la ragazzina Avrebbe voluto fuggire con una ragazzina di 13 anni conosciuta in chat con la quale...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook