Patrizia Petrone uccisa dai baby rapinatori: pena ridotta per un 20enne

I giudici della Corte di Appello gli concedono una possibilità di redenzione

Riduzione di pena di dieci mesi, da 7 anni a 6 anni e due mesi, braccialetto elettronico e domiciliari, con affidamento a un’associazione presso la quale svolgerà anche attività di volontariato: L.F., ora ventenne, fu protagonista, un anno fa, a Napoli, di una rapina finita malissimo, con la morte di una delle vittime, Patrizia Petrone, titolare della Antica Pizzeria Gianni e Genny di salita Tarsia, consumatasi nella tarda serata del 17 luglio in via Salvator Rosa.

Pubblicità

Adesso i giudici della Corte di Appello su istanza del suo avvocato, Carla Maruzzelli, gli concedono una possibilità di redenzione (nel centro dove lavorerà è chiamato a fornire assistenza alle persone con disagio economico, che non hanno dove andare a dormire) e questo, inevitabilmente, comporterà delle polemiche.

I poliziotti della Squadra Mobile, tre giorni dopo il grave episodio, il 20 luglio, al termine di indagini rapidissime, corroborate anche da un video che divenne subito virale, eseguirono due decreti di fermo emessi dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale e dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli nei confronti di L.F. all’epoca 19enne, con precedenti di polizia, e di un 16enne (per il quale poi venne disposto il collocamento in comunità) difeso dall’avvocato Fabio Segreti, in quanto gravemente indiziati di rapina aggravata.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Patrizia Petrone viaggiava su uno scooter guidato dalla nipote quando subì il tentativo di rapina: cadde violentemente sull’asfalto e riportò ferite alla testa. Venne ricoverata in ospedale dove morì, sette mesi dopo, il 22 febbraio di quest’anno all’età di 64 anni. In occasione del suo partecipatissimo funerale, in molti chiesero pene durissime per i due baby rapinatori.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Pompei, turista vandalizza parete della domus dei Ceii: denunciato

Dovrà rispondere per il danno arrecato al patrimonio Il personale di vigilanza e accoglienza del Parco archeologico di Pompei ha fermato un turista del Kazakistan...

Strage della discoteca di Corinaldo: imputati assolti per i reati più gravi

Nella tragedia morirono 5 minorenni e una 39enne. Responsabili della sicurezza condannati solo per falso Assolti dalle accuse più gravi, quelle di omicidio colposo plurimo...