Processo «cella zero», altri tre agenti della Penitenziaria rinunciano alla prescrizione

Dieci poliziotti su undici hanno scelto di andare avanti nel procedimento giudiziario

Altri tre agenti della Polizia Penitenziaria, imputati nel cosiddetto processo sulla «cella zero» di Poggioreale, hanno rinunciato, nel corso dell’udienza di ieri, alla prescrizione. Sono ora dieci poliziotti su undici quelli che hanno scelto di andare avanti nel procedimento giudiziario. Resta in bilico un solo agente il quale, malgrado presente, ha deciso di riservarsi la decisione in occasione della prossima udienza che è stata fissata per il 22 settembre.

Pubblicità

Nell’udienza di settembre è previsto che vengano ascoltati due ufficiali di polizia giudiziaria della polizia penitenziaria che, durante le indagini, avrebbero redatto gli album di foto degli agenti del carcere da sottoporre ai detenuti per i riconoscimenti ed altri due detenuti che avrebbero assistito ad alcuni episodi di violenza.

Può sembrare emblematico che così tanti agenti abbiano voluto rinunciare alla prescrizione – spiega l’avvocato Marcello Severino – ma ogni episodio fa storia a se. Gli imputati, con i rispettivi difensori, – spiega il legale, che difende uno degli imputati – avranno valutato i pro, cioè giungere all’assoluzione nel merito, evitando problemi alla propria carriera, e i contro, con il rischio di un processo che nei vari grado di giudizio potrebbe durare all’infinito, con l’ulteriore rischio di una condanna che, anche per l amministrazione di appartenenza, avrebbe un peso rilevantissimo».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Appalti Rfi al clan de Casalesi: Francesco Schiavone sarà ascoltato in aula

Francesco Schiavone «Sandokan» inserito nella lista testi Figura anche il neo collaboratore di giustizia Francesco Schiavone «Sandokan» nella lista testi indicata dal pm della Direzione...

Camorra, stangato il clan Sorianiello: quasi 4 secoli di carcere

Condannati capi e gregari Sancisce, per la prima volta, l’esistenza di un’organizzazione camorristica chiamata clan Soraniello, la sentenza emessa poco fa nell’aula bunker del carcere...