Spara e ferisce 4 giovani: legale chiede domiciliari con braccialetto elettronico

I fatti accaduti all’esterno di un bar a Qualiano

Si terrà domani l’udienza del tribunale del Riesame di Napoli in cui si discuterà la posizione del 37enne Marco Bevilacqua, in carcere per aver ferito a colpi di pistola quattro persone all’esterno di un bar di Qualiano nella notte tra sabato 28 e domenica 29 maggio.

Pubblicità

Il suo legale, Nunzio Mallardo, chiederà ai giudici di sostituire la misura carceraria con gli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico presso la comunità di recupero per tossicodipendenti “Il Brutto Anatroccolo” di Reggio Calabria; Bevilacqua è infatti in cura presso il Sert.

La strategia difensiva si baserà sul contesto nel quale sarebbe maturato l’episodio, riferito dallo stesso Bevilacqua. Questi, originario di Torre del greco, si è trasferito a Qualiano lo scorso anno dopo aver scontato 14 anni di detenzione per l’omicidio del suocero, e da allora sono iniziati i suoi problemi, dal momento che non sarebbe mai stato accettato, proprio per il reato di cui si era macchiato, dalla comunità in cui si era trasferito; Bevilacqua sarebbe stato pestato a sangue da persone residenti a Qualiano in almeno due circostanze, la prima volta nel 2021 poco dopo il suo arrivo nel comune napoletano, la seconda dieci giorni prima l’episodio degli spari.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Per entrambi gli episodi il suo legale presenterà i certificati medici. Altra circostanza emersa riguarda ciò che è avvenuto dopo il primo presunto pestaggio subito da Bevilacqua, quando il 37enne ebbe l’incrinatura di una costola e gli furono messi quindici punti in testa.

Bevilacqua raccontò ai carabinieri di essere stato investito da un’auto, ma non fu creduto e fu quindi denunciato per false dichiarazioni; il gip lo ha però assolto. In quell’occasione sembra che il 37enne non parlò del pestaggio per paura, e per poter continuare a vivere a Qualiano; poi dopo la seconda aggressione di metà maggio, sarebbe caduto in uno stato di paranoia e terrore che ne avrebbe armato la mano nella notte tra il 28 e il 29 maggio.

Peraltro Bevilacqua non ha mai indicato se le persone ferite a colpi di pistole fossero le stesse che lo avevano pestato.

Setaro

Altri servizi

Protesta contro la Nato, i manifestanti anche contro Manfredi: venduto agli USA

La nota: «Inaccettabile un tale dispositivo messo in atto contro chi denuncia a gran voce la barbarie della guerra» «Via la Nato dall’Italia, via l’Italia...

Abbandona rifiuti in strada, denunciato dalla polizia locale

L'uomo colto in flagrante ha cercato di fuggire. Autocarro sotto sequestro A seguito di una segnalazione da parte degli ispettori dell'Asia, corredata da un report...