Federproprietà Napoli

Truffa al bonus cultura 18app, il Riesame scarcera 6 indagati

Pubblicità

I giudici hanno disposto la derubricazione del reato contestato dai pm

Il Tribunale del Riesame di Napoli ha annullato le ordinanze di custodia cautelare per sei persone indagate dalla Procura di Napoli per la presunta truffa da 1,5 milioni di euro al Ministero della Cultura relativa al «bonus cultura 18App» da 500 euro riservato ai neo maggiorenni.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Tutti liberi dunque i sei indagati, uno dei quali era in carcere – Walter Esposito, titolare di una cartolibreria a Torre del Greco ritenuto la mente del raggiro – mentre gli altri cinque erano ristretti ai domiciliari dal 26 maggio scorso, quando era scattato il blitz della Guardia di Finanza, che aveva riguardato in totale 16 persone (eseguite altrettante misure cautelari, di cui una in carcere, undici ai domiciliari, tre obblighi di presentazione e uno di dimora).

Oltre ad Esposito, sono tornati in libertà la compagna 47enne di origine bulgara Desislava Slavova, i 23enni Marco Frieri, Giuseppe Piscitelli e Marco Amedeo Sanzari (quest’ultimo era gravato solo da obbligo di presentazione dopo essere stato rimesso in libertà pochi giorni dopo l’arresto da parte dallo stesso Gip che lo aveva fatto arrestare), e il 25enne Salvatore Farina.

La decisione è arrivata dopo che i giudici hanno disposto, su richiesta di difensori degli indagati (nello staff Rossana Ferraro, Franco Liguori, Danilo Riccio) la derubricazione del reato contestato dai pm di truffa ai danni dello Stato in quello più lieve di indebita percezioni di erogazioni pubbliche (articolo 316 ter codice penale), per il quale la legge non prevede la possibilità di emettere ordinanza di custodia cautelare; anzi il comma 2 della norma richiamata dal Riesame prevede solo una sanzione amministrativa nel caso di percezione non dovuta di una somma inferiore ai 4mila euro.

Leggi anche:  Raid al ristorante «Cala la pasta»: quattro condanne. C'è anche Patrizio Bosti jr
Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

«Non sapevamo fosse il boss Matteo Messina Denaro»

Una donna ha raccontato di avere avuto una relazione di alcuni mesi con il capomafia Mentre gli investigatori proseguono le indagini per risalire alla rete...

Energia, Rauti (FdI): «Governo lavora per autonomia nazionale»

Il sottosegretario alla Difesa: «Alleanza coesa sostiene popolo ucraino» «Il governo Meloni ha destinato i due terzi della manovra di bilancio per fronteggiare il caro...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook