Federproprietà Napoli

Devastata la tomba di Paolino Avella, rabbia e dolore nel Vesuviano

Pubblicità

La denuncia dell’associazione Polis

Un furto è stato compiuto nel cimitero di Pollena Trocchia, all’interno della cappella che ospita i resti di Paolino Avella, il giovane ucciso nel 2003 a San Sebastiano al Vesuvio per aver reagito ai rapinatori che gli avevano sottratto il motorino.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Lo rende noto la Fondazione Polis che definisce un “atto sacrilego” l’ accaduto.
Secondo il presidente della Fondazione, Don Tonino Palmese “ciò che più inquieta è che dalla cappella sono stati sottratti oggetti di poco conto, un fatto che segnalerebbe una vera e propria intenzione profanatoria nei confronti della memoria di Paolino.”

Il presidente don Tonino Palmese e tutti i componenti della Fondazione Polis della Regione Campania “si stringono al dolore della famiglia Avella per questa macabra scelleratezza e lanciano un appello a tutta la società civile affinché faccia sentire il proprio grido contro qualsiasi atto che violi la memoria delle vittime innocenti di reato. La nostra opera non si ferma, così come il ricordo di coloro la cui vita è stata strappata dalla mano violenta del crimine continua a far germogliare semi di vita nuova, forieri di giustizia e di legalità”.

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Ucciso durante una lite, resta in carcere il 19enne: «Sono dispiaciuto. Chiedo scusa alla famiglia»

Convalidato il fermo del 19enne che avrebbe ferito mortalmente Gennaro Leone Il Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha convalidato il fermo del...

Crisi Ucraina | Tra i due litiganti, il terzo muore

Dalla crisi Russia-Ucraina la UE  esce ancora una volta malissimo Il fronte Est dei suoi Stati membri si dimostra succube degli Usa (e quindi inaffidabile...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook