Insegnante investita e uccisa dal treno, indagini sul cellulare

I familiari hanno presentato un esposto alla Procura

Proseguono le indagini della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere (sostituto Gerardina Cozzolino) sulla morte delle 55enne insegnante Raffaella Maietta, investita e uccisa da un treno giovedì scorso 5 maggio alla stazione di Marcianise (Caserta); dai primi accertamenti della Polizia Ferroviaria sembrava si trattasse di suicidio, ma i familiari – il marito 67enne Luigi e i figli Tommaso e Katia – non hanno mai creduto a tale ipotesi, e hanno così nominato gli avvocati Raffaele e Gaetano Crisileo che hanno presentato esposto alla Procura.

Pubblicità

Le attenzioni degli inquirenti si stanno concentrando sul cellulare della donna, che è stato sequestrato dalla Polfer, e che potrebbe contribuire a ricostruire le due ore «decisive», ovvero dalle 6.30 di mattina, quando la donna è rimasta sola a casa dopo che il marito è uscito per lavoro (i figli lavorano da anni fuori regione), alle 8.45, quando c’è stata la tragedia.

Altro punto di indagine che sarà probabilmente sviluppato è l’ascolto dei due medici con cui la Maietta era in contatto, ovvero il medico di base e lo specialista psichiatra casertana primario di struttura ospedaliera, che a detta dei familiari potrebbero confermare che la donna non aveva disturbi particolari ma un semplice uno stato d’ansia reattiva e che mai aveva manifestato tentativi o idee di suicidio. Sulla vicenda c’è comunque il massimo riserbo della Procura e dei legali della famiglia.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Casamicciola, donna scomparsa da 12 giorni: Antonella trovata senza vita

La 51enne trovata da giornalisti di «Chi l'ha visto» L’hanno cercata per 12 giorni con un grande schieramento di uomini e mezzi e non sono...

Domenica al museo, l’area archeologica di Pompei la più visitata d’Italia

Secondo posto per il Colosseo, terza la Reggia di Caserta È l’area archeologica di Pompei, con 23.648 persone, quella più visitata - secondo i primi...