Torre Annunziata, nascondeva in casa oltre 5 chili di droga: 34enne in manette

Lo stupefacente diviso in 22 involucri

Nell’ambito dei servizi ad alto impatto disposti dal comando provinciale di Napoli i carabinieri della compagnia di Torre Annunziata hanno setacciato le strade della città grazie anche al supporto dei militari del reggimento Campania e al “fiuto” delle unità cinofile di Sarno. Controlli e perquisizioni a tappeto che hanno portato a 5 arresti, 77 persone identificate e 28 veicoli controllati.

Pubblicità

A finire in manette R. S., 34enne del posto già noto alle forze dell’ordine. L’uomo dovrà rispondere di detenzione di droga a fini di spaccio. Nella sua abitazione i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato cinque chili e mezzo di marijuana. Non è stato semplice trovare la sostanza stupefacente. L’abitazione del 34enne era protetta da un sistema di videosorveglianza e la droga, 22 involucri, era nascosta in più parti della casa. Sequestrato anche il sistema abusivo di telecamere nascoste e il materiale per il confezionamento della droga. Il 34enne è in carcere in attesa di giudizio.

Durante le operazioni i militari hanno arrestato anche P.A., 33enne di San Giuseppe Vesuviano sorpreso all’interno del parcheggio di un’attività commerciale di Poggiomarino mentre rubava componenti delle auto lì parcheggiate. Il 33enne è in attesa di giudizio.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Tre gli arresti su disposizione dell’autorità giudiziaria. Un 32enne di origini bulgare perché sorpreso più volte all’esterno della sua abitazione di Boscoreale dove era sottoposto agli arresti domiciliari. Stessa sorte e identici reati per un 37enne di Torre Annunziata e un 39enne di Poggiomarino.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Incendio sulla collina dei Camaldoli: fiamme arrivate a Pianura

Si sta cercando di spegnere il rogo con getti di acqua È ancora attivo l'incendio sulla collina dei Camaldoli, a Napoli, divampato mercoledì pomeriggio. Nelle...

Violenza sessuale di gruppo: arrestati cardiologo e viceprocuratore onorario

Tutto sarebbe stato ripreso in video dai due presunti autori Un vice procuratore onorario, all’epoca dei fatti in servizio alla Procura della Repubblica del tribunale...