Gioco, de Bertoldi : «FdI dalla parte della legalità contro le ludopatie e a difesa delle imprese italiane»

Il senatore: «Il governo dovrà dimostrare da che parte sta: con gli italiani e l’imprese italiane, o con gli interessi sovranazionali?»

«Diritto al conto corrente, diritto ai rapporti bancari per poter lavorare onestamente e contrastare l’illegalità. Non è accettabile, infatti, che il sistema bancario possa immotivatamente revocare rapporti bancari, o rifiutarsi di aprire nuove posizioni alle piccole medie imprese italiane che garantiscono, peraltro, un importante gettito allo Stato lavorando su concessione dello Stato stesso». A dirlo il senatore di Fratelli d’Italia, Andrea de Bertoldi, segretario della Commissione parlamentare di inchiesta sul gioco illegale e sulle disfunzioni del gioco pubblico.

Pubblicità

Il senatore si auspica «che il riordino del gioco e la riforma che il governo parrebbe intenzionato a promuovere, tenga conto del ruolo delle piccole medie imprese nazionali, e non voglia lasciare ai grandi player internazionali il controllo del gioco pubblico italiano».

«La Bolkenstein, le concessioni idroelettriche, quelle marittime e sui trasporti, e le concessioni per il gioco, insomma il governo dovrà dimostrare da che parte sta: con gli italiani e l’imprese italiane, o con gli interessi sovranazionali? I nostri operatori meritano di poter lavorare e di essere i primi baluardi all’illegalità e alle ludopatie. E sono fiero di essermi confrontato con gli operatori del gioco e con le PMI italiane che si sono riunite per la fiera ENADA a Rimini. Fratelli d’Italia sempre dalla parte della legalità, della lotta alle ludopatie e della difesa del tessuto imprenditoriale nazionale», conclude.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Caporalato, 60 braccianti costretti in condizioni degradanti: 6 arresti

Operazione in diverse località delle province di Napoli e di Caserta Sottoposti a condizioni di lavoro e di vita degradanti, sottopagati, minacciati, anche di morte:...

Bracciante abbandonato e morto, parole choc del titolare: «Ha fatto una leggerezza»

L'uomo: «Avevo avvisato il lavoratore di non avvicinarsi al mezzo» «È stata una leggerezza, purtroppo». Scoppia la polemica dopo le parole del titolare dell’azienda agricola...