Federproprietà Napoli

Castellammare di Stabia, rogo alla concessionaria G.M.A.: quattro arresti

Pubblicità

Nell’incendio furono distrutte 11 automobili

Avrebbero organizzato ed eseguito il rogo doloso durante il quale furono distrutte undici automobili poste all’interno della concessionaria-autonoleggio G.M.A. di Castellammare di Stabia (Napoli), interessata dell’incendio avvenuto l’11 febbraio dello scorso anno durante il quale furono coinvolte altre due vetture di privati cittadini parcheggiate nei pressi dell’attività. Per questo motivo gli agenti della polizia di Stato hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura oplontina, procedendo all’arresto di quattro persone.

Pubblicità Federproprietà Napoli

All’identità dei quattro si è giunti grazie al lavoro svolto dalla Squadra Mobile della Questura di Napoli e dal commissariato di Castellammare di Stabia, che ha portato all’analisi delle immagini catturate dalle telecamere dislocate lungo cinque diversi comuni, immagini che hanno consentito di individuare, in un primo momento, il veicolo con a bordo gli esecutori materiali dell’incendio e di ricostruire poi il loro tragitto compiuto dai due sia all’andata sia al ritorno dalla concessionaria.

«Partendo da tale originaria acquisizione investigativa – spiega il procuratore di Torre Annunziata Nunzio Fragliasso – grazie alle successive attività tecniche di intercettazione telefonica ed ambientale, è stato acquisito un grave quadro indiziario anche nei confronti dei due soggetti ritenuti i mandanti del delitto».

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Napoli, ricostruito un avambraccio con ossa da cadavere e staminali: intervento innovativo al Vanvitelli

La tanto bistrattata e criticata sanità meridionale fa segnare un nuovo punto in proprio favore: la ricostruzione di un avambraccio con ossa da cadavere...

Campania, Commercianti contro il ‘coprifuoco’ di De Luca. Di Porzio: «A rischio 5mila aziende e 30mila posti di lavoro»

La delegazione regionale Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) è sul piede di guerra. Il presidente regionale Fipe, Massimo Di Porzio, ha sottolineato che, così...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook