Ucraina, nuovi danni alla linea elettrica che alimenta la centrale nucleare di Chernobyl

Solo ieri la linea era stata riparata, ma le forze di occupazione l’hanno danneggiata nuovamente

La linea che alimenta la centrale nucleare di Chernobyl e la città di Slavutych è stata nuovamente danneggiata dalle forze russe dopo le riparazioni. Lo ha riferito Ukrenergo, la società che gestisce la rete di trasmissione nazionale ucraina, sulla sua pagina Facebook secondo quanto riporta l’agenzia Unian. Ieri la linea ad alta tensione che alimenta la centrale di Chernobyl e la città di Slavutych era stata riparata e rimessa in funzione.

Pubblicità

«Tuttavia, prima che l’alimentazione fosse completamente ripristinata, le forze di occupazione l’hanno danneggiata nuovamente. L’equipaggio riparatore del NEC Ukrenergo dovrebbe dirigersi nuovamente verso il territorio occupato vicino alla centrale nucleare di Chernobyl, per trovare e riparare nuovi danni alla linea» spiega la società.

Ukrenergo sottolinea «che il Chornobyl NPP è un importante impianto che non può essere lasciato senza un approvvigionamento energetico affidabile. L’alimentazione degli abitanti di Slavutych dipende anche dalle linee elettriche della centrale nucleare. Pertanto, l’accesso rapido e libero degli equipaggi di Ukrenergo a queste linee per ispezioni e riparazioni è estremamente importante non solo per i consumatori ucraini ma anche per l’Europa nel suo complesso. Un’alimentazione stabile aiuterà a evitare il ripetersi del disastro di Chernobyl e a salvare la vita e la salute delle persone che potrebbero essere colpite».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Eav, due linee della Circumvesuviana sospese nel fine settimana

Per lavori di miglioramento funzionale Lavori di miglioramento funzionale: sospese nel fine settimana due linee della Circumvesuviana. Ad annunciarlo è l’Ente Autonomo Volturno che fa...

Gli euro falsi tardano ad arrivare, l’indagato: «Hanno arrestato il collega»

La risposta ai «clienti» che si lamentavano dei ritardi «La settimana scorsa hanno arrestato il collega che ci andava a prendere la merce»: le azioni...