Federproprietà Napoli

Torre Annunziata, la Dia irrompe negli uffici di via Schito. Sospeso il consiglio comunale

Pubblicità

Bloccate la segreteria del sindaco, la stanza del presidente del consiglio e l’ufficio tecnico

Una serie di perquisizioni sono in atto dall’alba di questa mattina presso gli uffici del comune di Torre Annunziata in via provinciale Schito. Sul posto gli uomini della Dia, su disposizione della direzione distrettuale antimafia, hanno preso possesso di alcuni uffici tra cui la segreteria del sindaco Vincenzo Ascione, del presidente del consiglio, Giuseppe Raiola, e del dirigente dell’Ufficio tecnico, Luigi Di Donna.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Da ciò che si apprende, gli inquirenti starebbero recuperando incartamenti in relazione ad un’inchiesta condotta dalla Dda, che potrebbe non essere direttamente collegata al lavoro che sta invece compiendo la commissione d’accesso già inviata dal prefetto per verificare gli atti prodotti negli ultimi tempi dall’amministrazione comunale.

Nella serata di ieri, riferiscono alcune testate giornalistiche, sarebbero state svolte anche alcune perquisizioni domiciliari a carico di dirigenti, amministratori e qualche consigliere comunale. Questa mattina era in programma anche un consiglio comunale che è stato sospeso. Non si conoscono ancora i dettagli dell’operazione e le forze dell’ordine non hanno ancora rilasciato comunicazioni ufficiali.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Vico Equense, sindaco Aiello riapre il viadotto Rivo d’Arco

Obiettivo: ridurre il traffico sulla Statale Sorrentina Ingorghi, code di auto in entrata e uscita sono ormai una norma lungo la Statale 145 che da...

Scuola, Fratelli d’Italia: «Sistema da rivedere e ripensare, ma senza svilire il ruolo del personale»

Una folta delegazione casertana agli Stati Generali della Scuola Un pomeriggio romano all’insegna di un confronto franco, schietto e carico di contenuti importanti. È questa...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook