Federproprietà Napoli

Torre Annunziata, la Dia irrompe negli uffici di via Schito. Sospeso il consiglio comunale

Pubblicità

Bloccate la segreteria del sindaco, la stanza del presidente del consiglio e l’ufficio tecnico

Una serie di perquisizioni sono in atto dall’alba di questa mattina presso gli uffici del comune di Torre Annunziata in via provinciale Schito. Sul posto gli uomini della Dia, su disposizione della direzione distrettuale antimafia, hanno preso possesso di alcuni uffici tra cui la segreteria del sindaco Vincenzo Ascione, del presidente del consiglio, Giuseppe Raiola, e del dirigente dell’Ufficio tecnico, Luigi Di Donna.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Da ciò che si apprende, gli inquirenti starebbero recuperando incartamenti in relazione ad un’inchiesta condotta dalla Dda, che potrebbe non essere direttamente collegata al lavoro che sta invece compiendo la commissione d’accesso già inviata dal prefetto per verificare gli atti prodotti negli ultimi tempi dall’amministrazione comunale.

Nella serata di ieri, riferiscono alcune testate giornalistiche, sarebbero state svolte anche alcune perquisizioni domiciliari a carico di dirigenti, amministratori e qualche consigliere comunale. Questa mattina era in programma anche un consiglio comunale che è stato sospeso. Non si conoscono ancora i dettagli dell’operazione e le forze dell’ordine non hanno ancora rilasciato comunicazioni ufficiali.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Torre Annunziata, Finanza ancora in Comune: sequestrati altri atti

Continuano le indagini della Guardia di Finanza di Torre Annunziata che, a due settimane dall'arresto del dirigente dell'ufficio tecnico Nunzio Ariano, questa mattina ha...

Napoli, nominato il successore di Sepe: monsignor Battaglia nuovo arcivescovo

Papa Francesco ha nominato monsignor Domenico Battaglia nuovo arcivescovo di Napoli, in sostituzione del cardinale Crescenzio Sepe, già in 'prorogatio' da due anni, del...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook