Napoli, Schifone e Rispoli: «Galleria Umberto I, trovare nuove forme di gestione»

La proposta: «Affidarla a un consorzio partecipato dal Comune di Napoli e dai condomini»

«La Galleria Umberto I è una delle tante bellezze che abbiamo a Napoli e da sempre rappresenta uno dei salotti della città, uno stupendo centro di aggregazione.
La sua caratteristica è che la puoi attraversare in tutte le ore come fosse una strada qualunque e puoi trovarvi riparo quando le condizioni del tempo lo richiedono senza perdere nulla del suo fascino». Lo affermano in una nota Luciano Schifone e Luigi Rispoli, dirigenti nazionali di Fratelli d’Italia.

Pubblicità

«Mettere i cancelli e proibire l’ingresso nelle ore serali e notturne, come ipotizza qualcuno, sarebbe una sconfitta clamorosa per le istituzioni e servirebbe solo nel caso in cui il Comune si dichiarasse impossibilitato a garantirne la vigilanza h24 e per 365 giorni all’anno. Sarebbe però un peccato inibire alla fruizione uno spazio così bello solo perché non sei in grado di garantire la sorveglianza e perché i servizi sociali del comune non funzionano, sarebbe un pericoloso segnale di resa. La Galleria va rilanciata e valorizzata, va garantita una vigilanza h24 e i clochard vanno assistiti e seguiti, specie in periodi come questo, dai servizi sociali del comune» sottolineano.

«La sua gestione può tranquillamente passare attraverso la costituzione di un consorzio partecipato dal Comune di Napoli e dai condomini che insistono su quell’area che è quello che noi proponiamo. Qualunque problema per essere risolto necessita di una iniziativa istituzionale ma anche in questo caso ci sembra che l’amministrazione comunale faccia orecchie da mercante», hanno concluso.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Ogiva di un proiettile vagante rimbalza contro una finestra e cade in testa a un bimbo

Paura ma nessun ferito e nessun danno Un'ogiva di un proiettile vagante rimbalza contro una finestra e cade in testa ad un bambino. Paura ma...

In Campania è allarme per i giochi d’azzardo online: primi in Italia

Nella regione oltre 3.300 soggetti sono in cura per gioco d’azzardo. Nel web pochi controlli Il primo posto per il gioco online in Italia è...