Federproprietà Napoli

Crollo a San Felice, morta anche Giuseppina. Lutto cittadino nel giorno del funerale

Pubblicità

La donna aveva riportato ustioni sul 70% del corpo ed è deceduta all’ospedale Cardarelli di Napoli nella notte

È morta nella notte all’ospedale Cardarelli di Napoli la 74enne Giuseppina Sammaciccio, rimasta gravemente ferita ieri durante il crollo della palazzina di due piani, avvenuto a Cancello Scalo, frazione del comune di San Felice a Cancello, in cui viveva con il marito Mario Sgambato, estratto ieri cadavere dalle macerie.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Il sindaco di San Felice a Cancello (Caserta) Giovanni Ferrara oggi, ancora più di ieri, non si dà pace. «Non mi sembra vero quanto è accaduto – dice – speravamo che almeno Giuseppina potesse restare viva, ma si è unita in cielo al suo Mario. Erano indivisibili, due esempi di vita da elogiare e ricordare come genitori, nonni ed esponenti della società. Ieri è stata una delle giornate più brutte per l’intero paese».

Ferrara conferma che verrà «proclamato lutto cittadino il giorno delle esequie», che dovrebbero tenersi dopo l’autopsia cui verranno sottoposti, probabilmente nella giornata di lunedì, i corpi dei 74enni Mario Sgambato e Giuseppina Sammaciccio. Il sindaco ringrazia inoltre «Vigili del fuoco, Carabinieri, Polizia di Stato, Protezione civile, Polizia Municipale: il loro operato è stato essenziale».

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Ritorna la politica e subito è bagarre su abolizione del reddito di cittadinanza e green pass

Mattarella richiama tutti al dovere della vaccinazione, ma Salvini e Meloni ribadiscono no all’obbligo Dopo quasi un mese di stop Camera e Senato riaprono il...

Agrigento, azzeravano i contachilometri delle auto: frode in commercio a Campobello di Licata

Azzeravano i contachilometri delle auto messe in vendita. È quanto scoperto in un autosalone con sede a Campobello di Licata, in provincia di Agrigento,...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook