Federproprietà Napoli

Reddito di cittadinanza, altri 164 denunciati per indebita percezione: tra loro anche un latitante

Pubblicità

Accertate oltre 200 posizioni irregolari, alcune ancora al centro di approfondimenti, e l’illecita percezione di oltre 1,3 milioni di euro

Un latitante, un fruitore di patrocinio gratuito a spese dello Stato che aveva oltre 30 immobili, alcuni dipendenti in nero di una pizzeria d’asporto, collaboratrici domestiche e badanti. Sono alcuni dei ‘profili’ delle 164 persone denunciate dalla Guardia di finanza di Caltanissetta per indebita percezione del Reddito di cittadinanza tra il capoluogo Nisseno e Gela.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Le indagini hanno accertato oltre 200 posizioni irregolari, alcune ancora al centro di approfondimenti, e l’illecita percezione oltre 1,3 milioni di euro, somma per cui è stata chiesta il sequestro preventivo. La posizione dei denunciati è stata segnalata all’Inps per la decadenza, la revoca e la restituzione del beneficio, evitando che altri 756 mila euro indebitamente richiesti venissero riscossi da non aventi diritto.

Alcuni dei denunciati, tra l’altro, sono risultati assidui scommettitori su piattaforme di gioco online, omettendo di dichiarare le vincite conseguite. I datori di lavoro che utilizzavano persone ‘in nero’ saranno sanzionate dalle Fiamme gialle per l’irregolarità scoperta durante le indagini.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Torre Annunziata, Ascione vara la ‘zona confusione’. Chiuse scuole e strade. Sì alla ristorazione

Il sindaco di Torre Annunziata, Vincenzo Ascione, inaugura la zona 'confusione' ed emana una nuova ordinanza anti contagio che entrerà in vigore da domani...

Il presidente Ferlaino: «Noi napoletani in lacrime. Maradona era il Napoli»

La scomparsa di Diego Armando Maradona ha fermato il mondo, ha fermato Napoli e la Campania ma non solo. Alle 17 circa la notizia...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter