RdC. Iannone (FdI): «Altri furbetti, risorse vadano a famiglie e imprese in difficoltà»

Il senatore: «Così come strutturato questa misura non funziona sia sul piano delle politiche attive del lavoro e sia su quello dell’assistenza»

«Dopo i recenti casi in Puglia, anche in Campania emergono decine di criminali legati ai clan che riuscivano a ricevere il reddito di cittadinanza, pur stando ai domiciliari, sfruttando la complicità di mogli e nipoti». Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Antonio Iannone, coordinatore regionale di FdI in Campania.

Pubblicità

«Queste notizie – continua – confermano che così come strutturato questa misura non funziona sia sul piano delle politiche attive del lavoro, visto che non aiuta nel trovare un lavoro, e sia su quello dell’assistenza, perché le regole troppo generiche consentono in maniera frequente a delinquenti e criminali di accedere al sussidio.

«Tutto ciò conferma quanto Fratelli d’Italia denuncia da tempo e cioè che questa misura così come è va abolita e le risorse risparmiate destinate alle famiglie e alle imprese in difficoltà. Peraltro, in Senato decine di emendamenti di FdI in tal senso sono stati bocciati e se soltanto uno di questi fosse stato approvato notizie di questo genere sarebbero state evitate. Oltre che sperperare centinaia di milioni di euro degli italiani» conclude il senatore.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Sant’Antonio Abate, confiscato il «Castello delle Cerimonie»

Andrà al Comune di Sant'Antonio Abate Diventa esecutiva, con una sentenza della Corte di Cassazione emessa ieri, la confisca del «Castello delle Cerimonie», noto anche...

Internazionalizzazione sociale, confronto con il Rotary club Napoli

Presso la chiesa di San Giuseppe dei Nudi Il Rotary club Napoli presieduto da Renata Picone ha organizzato per il giorno 22 febbraio, alle ore...