Caro bollette, da +500 a +1300 euro annui. Il governo pensa di trasformarlo in tasse e noi paghiamo

Partiti annichiliti dalla paura di perdere scranni e privilegi. Draghi decide per una partita di giro e per la Cei è «l’uomo della provvidenza»

«Draghi funziona perché non va in tv» parola di Feltri. Vero! Evitando i dibattiti tivvù non è costretto a rispondere a domande politicamente «intriganti», non si sbilancia, «nun se fa rièbbete ca vòcca» e neanche troppi nemici.

Pubblicità

Sa bene che – potendo contare sull’appoggio dell’«uomo del colle», delle Banche centrali, dell’Ue, della «buona stampa» che lo accompagna sin dall’inizio e dovendo vedersela con un Parlamento e forze politiche di maggioranza che, annichilite dalla paura di perdere lo scranno, anche se urlano, per fingere di esserci, non ci sono – alla fine sarà sempre lui a decidere.

Di più, sottraendosi a passerelle show, può scrollarsi l’ingrato compito di riconoscere – magari soltanto per un briciolo di onestà intellettuale – che con la crescita, teoricamente «travolgente», rispetto a quella degli altri Europaesi, del Pil italiano post-covid, il suo governo c’entra, si, ma poco. Perché noi siamo quelli che in piena pandemia – tra lockdown, chiusure, restrizioni generalizzate e domiciliari per tutti – hanno perso di più.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Sicché, la base di calcolo del nostro tasso di ripartenza è decisamente più bassa e, quindi, la percentuale di crescita risulta più alta, rispetta a quelli che, prima, hanno perso di meno. Ma nessuno lo dice.

Cosicchè, può continuare a raccogliere applausi a scena aperta come il «salvatore della patria», per l’unico risultato concreto ottenuto ovvero l’inversione di marcia della vaccinazione anti-covid nel post-Conte e, per i «buoni propositi» e le scontatezze sull’uso delle risorse europee che «abbiamo il dovere di spendere in maniera efficiente e onesta», essere addirittura «segnalato» dalla Cei come l’«uomo della Provvidenza». Quasi che gli unici problemi di questo esecutivo fossero: vaccinazione e green pass. E il resto, tutto corollario.

Caro bolette,  tutto rinviato al prossimo cdm

Non è un caso, che nel cdm di giovedi scorso, come succede da tempo ormai, si sia discusso solo di green pass per tutti e si sia rinviata al prossimo la predisposizione dell’ombrello per la bufera che sta per abbattersi (da ottobre il 42%, più il 20 di inizio estate, indica un + 62% in appena 6 mesi, tra 500 o 1300 euro annui, in valori assoluti, secondo Codacons e Assoutenti) sulle bollette di luce e gas.

Se ne parlerà, quindi, mercoledì, ma si tratterà dell’ennesima «presa», pardon: «partita di giro». Scorporeranno i cosiddetti «oneri di sistema» (balzelli a sostegno di rinnovabili e nucleare, per oltre il 30% dell’importo complessivo fatturato) e ce li faranno pagare con la fiscalità generale. Insomma «scarta frùscio e piglia primèra». Purtroppo, i 9 miliardi per evitare la stangata, non ci sono. Anzi, servono a foraggiare il reddito di cittadinanza. E in giro ci sono sempre 60 milioni di cartelle destinazione contribuenti.

Leggi anche:  Eurostat lo certifica grande inflazione in Europa, Italia tra le migliori

Un film già visto e rivisto tantissime volte

La sensazione, detto con estrema franchezza, è di trovarci di fronte ad un film già visto e rivisto tantissime volte, ma con una notevole accelerazione dal 2011 ad oggi. Con un Paese commissariato da pseudo tecnici – solo perché non eletti, ma tutti forniti di «green pass» esteso Pd ex Dc e rapporti privilegiati con i media – all’unico scopo di rinviare il ricorso alle urne, scongiurare il voto e impedire, una possibile vittoria del centrodestra e magari, nel caso, provare a rimettere ordine nei conti pubblici: Monti, Letta, Renzi, Gentiloni, Conte, ma la situazione delle casse statuali italiane non è certo migliorata.

E non è detto che stavolta vada meglio solo perché a palazzo Chigi, c’è SuperMario. Anzi.Le grandi riforme: Giustizia, Fisco, concorrenza, ecc., sono ancora in via discussione; il piano di attuazione del Pnrr e l’apertura dei cantieri aspettano ancora le centinaia di decreti attuativi e la «corsia preferenziale ultrarapida» per l’approvazione dei progetti infrastrutturali, le nomine per i singoli cantieri e quella per la commissione di controllo (via), per gli impatti ambientali (40 tecnici) e il consiglio superiore dei lavori pubblici (29). Il tutto da fare in 3 o 4 mesi.

E genete conto che l’erogazione delle rate, volta per volta, dipende dalla realizzazioni progettuali messe a punto. E, a proposito, entro il 31 dicembre, bisognerà approvare anche la legge di bilancio 2022.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Stoccaggio illecito di rifiuti: 103 persone denunciate e 2 in arresto

Controlli in tutta Italia: al setaccio 33 province Vasta operazione della Polizia di Stato sul territorio nazionale per il contrasto all’illecito stoccaggio e smaltimento di...

Zes unica, Fitto: «In vigore il credito d’imposta. Rilanceremo investimenti al Sud»

Il decreto attuativo pubblicato in Gazzetta Ufficiale Via libera al credito d’imposta per gli investimenti nella Zes unica per il Mezzogiorno. Lo annuncia il ministro...