Federproprietà Napoli

Napoli, bimbo morto a via Foria: il 38enne si difende e nega l’omicidio

Pubblicità

Ha fornito una sua versione dei fatti che escluderebbe il motivo doloso puntando invece sull’incidente

Ha ammesso di essere sul quel balcone e di aver preso in braccio il piccolo Samuele ma ha negato di averlo volutamente scaraventato di sotto, Mariano Cannio, l’uomo fermato oggi con l’accusa di essere responsabile della morte del bambino precipitato dal terzo piano di uno stabile di via Foria a Napoli. Lo riferisce l’ANSA che lo avrebbe apreso da fonti qualificate.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Il 38enne, noto nel quartiere come collaboratore domestico di diverse famiglie del posto, agli inquirenti ha detto di soffrire di disturbi psichici e ha fornito una sua versione dei fatti che escluderebbe il motivo doloso puntando invece sull’incidente. Ma non ha saputo spiegare con esattezza come il bambino sia caduto dal balcone.

Sulla sottile linea che separa l’ipotesi colposa da quella dolosa si giocherà l’udienza per la convalida del fermo in programma lunedì mattina alle 9,30. Cannio al momento è difeso da un avvocato d’ufficio, la cassazionista Carmen Moscarella.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Dl Rilancio. Meloni, Lollobrigida e Leo presentano gli emendamenti di Fratelli d’Italia

Il presidente di FdI, Giorgia Meloni, il capogruppo alla Camera Francesco Lollobrigida e il responsabile Economia di FdI, Maurizio Leo hanno presentato questa mattina,...

Conte non ci pensa a lasciare la mano. E che importa se avrà contro 17 Regioni, in ballo ci sono i 209 miliardi dell’Ue

Due settimane. Tanto è durato il silenzio di Giuseppe Conte. E tanti sono i giorni che ci dividono dalle elezioni regionali. Una casualità ma...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter