Federproprietà Napoli

Torre Annunziata, nuovo blitz: rinvenute armi e droga al palazzo dei Tittoni

Pubblicità

L’offensiva dello Stato contro la criminalità organizzata a Torre Annunziata

Continua l’offensiva dello Stato contro le organizzazioni malavitose dopo l’escalation criminale dei giorni scorsi. Costanti e senza sosta i controlli a Torre annunziata da parte dei carabinieri della locale compagnia. I militari, nell’ambito dei servizi disposti dal comando provinciale di Napoli, hanno effettuato un servizio a largo raggio con posti di controllo rafforzati e perquisizioni alla ricerca di armi e droga.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Massima attenzione, questa volta, al complesso edilizio denominato ‘palazzo dei Tittoni’ di corso Vittorio Emanuele III. Rinvenuti e sequestrati – in più nascondigli creati in aree comuni – una pistola “Smith&Wesson” calibro 9 con matricola abrasa completa di caricatore con all’interno 11 proiettili calibro 9 luger ‘a espansione’, altri 16 proiettili dello stesso calibro, 10 pallottole calibro 380 e un proiettile calibro 7,62.

Sequestrati inoltre 67 grammi di cocaina, 68 grammi di marijuana e 33 grammi di crack. Le specialità di droghe erano tutte già suddivise in dosi e pronte alla vendita. Rinvenuti anche una pianta di marijuana in coltivazione e 2 bilancini di precisione con diverso materiale per il confezionamento della droga.

Denunciati per furto di corrente elettrica 3 condomini e rimossi barriere e cancelli collocati abusivamente che permettevano un accesso esclusivo ai pianerottoli dei piani superiori dello stabile. I Carabinieri, durante il servizio, hanno identificato 88 persone e controllato 41 mezzi.

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Usa, la più grande democrazia del mondo è ancora «un cadavere in buona salute»?

Quel che sta succedendo negli USA ha dell’incredibile: l’assalto alla sede del Congresso ha dell’incredibile; la censura e l’oscuramento di Trump sui social media...

Fisco, Ricchiuti (FdI): «Abolire inversione onere della prova e solve et repete. Basta vessare piccole imprese»

L'esponente di FdI: «Sarebbe ora che qualche funzionario inizi a pagare di tasca propria per errori commessi dagli enti per procurato spavento» «Nel dl Capienze...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook