Federproprietà Napoli

Scontro tra auto in superstrada, perde la vita un bimbo di tre anni

Pubblicità

Un conducente denunciato per omicidio stradale

Un bambino di tre anni è morto in un incidente stradale avvenuto nella tarda serata di ieri nel tratto casertano della superstrada Nola-Villa Literno. L’auto su cui viaggiava insieme al padre ed un’altra persona si è scontrata con una seconda vettura con il solo conducente a bordo. L’incidente è avvenuto nel Comune di Succivo (Caserta).

Pubblicità Federproprietà Napoli

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della stazione di Sant’Arpino e della Compagnia di Marcianise, una Bmw con a bordo un uomo avrebbe tamponato ad alta velocità la Smart Fortwo, dove viaggiava il bimbo. Il fortissimo impatto ha fatto volare il bimbo che ha sfondato il lunotto posteriore, finendo sul cofano della Bmw. Il piccolo è morto sul colpo, mentre le altre tre persone coinvolte sono finite in ospedale ma senza gravi traumi.

La strada è stata chiusa al traffico per facilitare l’arrivo dei soccorsi. La salma del bimbo è stata condotta all’istituto di medicina legale dell’ospedale di Giugliano (Napoli). Il conducente della Bmw è stato denunciato per omicidio stradale. Le due auto sono state sequestrate e sono in corso verifiche per accertare se il bimbo fosse legato o comunque protetto da dispositivi di sicurezza o completamente libero di muoversi in auto, come sembra dalla dinamica.

Potrebbe interessarti anche:
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Campania e Coronavirus, Iannone (FdI): «Solo dopo aver incassato l’elezione la stretta con nuova ordinanza»

«Passata la festa, gabbato il Santo dice un vecchio adagio. De Luca solo dopo aver incassato la riconferma emette una nuova ordinanza con la...

Napoli, arriva il G20 Clima: stop auto e pedoni sul lungomare. Si rischia il caos mobilità

Con la Galleria Vittoria ancora fuori uso e con i mezzi di trasporto pubblici che funzionano a singhiozzo, ci mancava solo il G20 Clima,...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Twitter

Facebook