Federproprietà Napoli

Poggiomarino, carabinieri sventano un omicidio: in manette 3 persone appartenenti a un nuovo gruppo criminale

Pubblicità

Gli indagati avrebbero pianificato l’agguato a Raffaele Carrillo, un 38enne affiliato al clan rivale dei Giugliano

L’accusa è quella di aver ricettato e detenuto armi con le quali una potente organizzazione criminale operante nella zona di Poggiomarino, in provincia di Napoli voleva imporre il controllo del territorio. E per far ciò, secondo l’ipotesi investigativa, sarebbe stato anche pianificato un omicidio che è stato però sventato grazie al sequestro delle stesse armi e alla rapida emissione di un provvedimento di fermo.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Oggi, nel carcere di Napoli – Secondigliano, i carabinieri del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Napoli – Ufficio GIP – nei confronti di Carmine Amoruso, 38 anni, Marco Amoruso, 28 anni e Luca Garante, 23 anni – tutti pregiudicati di Poggiomarino ed appartenenti, secondo gli inquirenti, ad un gruppo criminale di neo-formazione capeggiato dall’ex collaboratore di giustizia Carmine Amoruso, già appartenente al clan Giugliano.

Per gli investigatori l’organizzazione criminale aveva pianificato l’omicidio di Raffaele Carillo, 38 anni, appartenente alla rivale consorteria criminale dei Giuglano, operante sempre a Poggiomarino. Carillo doveva essere ‘punito’ perché secondo gli Amoruso, a sua volta, avrebbe voluto eseguire azioni di fuoco nei loro confronti.

L’ordinanza di custodia cautelare eseguita, ratifica il decreto di fermo, emesso in data 30 luglio 2021 dalla Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia. Provvedimento che scaturiva da un’articolata attività d’indagine, condotta dal Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri di Torre Annunziata e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli.

Pubblicità

Nel corso delle indagini, sono stati recuperati due fucili, posti in sequestro a seguito di perquisizione domiciliare, e due pistole – una semiautomatica marca Steyr cal. 40 ed un revolver marca Smith & Wesson cal. 38 special.

Potrebbe interessarti anche:
Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Senato, la Giunta delle immunità rigetta la richiesta di domiciliari per Cesaro

Il voto finale ora spetta all’Aula di palazzo Madama La Giunta delle immunità parlamentari di palazzo Madama ha dato il via libera alla relazione del...

Due anni d’emergenza e si parla ancora solo di stop e vaccini. Mai di cure e terapie

Intanto hanno ridotto le Camere al silenzio, i cittadini a sudditi e messo in crisi imprese, economia e occupazione Ma davvero bisogna – come rivela...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter