Federproprietà Napoli

Campania, De Luca fa il ‘Pierino’ e chiede la vaccinazione obbligatoria

Pubblicità

De Luca continua a eloggiare il suo lavoro e a criticare gli altri

De Luca continua a minacciare. De Luca continua nella sua opera di terrorismo mediatico verso la popolazione campana. Insiste nel suo atteggiamento spavaldo ad avvertire le persone: se non si farà quel che dico io si tornerà a chiudere tutto. Continua a elogiare il suo lavoro e a criticare quello degli altri. Draghi, Speranza, Figliuolo. Ne ha per tutti. Nella diretta di oggi, si spinge addirittura oltre e chiede l’obbligo di vaccinazione. Consapevole che lui, in quanto umile presidente di Regione, non può fare altro che chiedere (e per favore) alle persone di vaccinarsi.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Prendiamoci – afferma – queste due settimane dopo di che dovremo prendere misure importanti e credo sia sbagliato, come fa il Governo, prendere mezze misure che hanno come unico risultato prolungare all’infinito la situazione del Covid. Io non avrei dubbi su una decisione a livello nazionale: rendere obbligatoria la vaccinazione». Obbligo che il Governo non ha intenzione di applicare (anche se, diciamocelo, il green pass è un obbligo mascherato ma Speranza & co. non vogliono assumersene la responsabilità).

De Luca equipara la card vaccinale al green pass. Ma dimentica che è inutile

Ma non solo De Luca torna a tessere le lodi della card vaccinale della Regione e ha svelato che a breve sarà pubblicata una ordinanza «con la quale disponiamo che la card distribuita dalla nostra regione ha valore di certificazione qui in Campania, cioè è aggiuntiva rispetto al Green pass. Chiediamo scusa al Governo se siamo partiti 4 mesi prima». L’ex sindaco di Salerno ricorda che nel Green pass «ci sono le notizie che le regioni comunicano al Governo. Capite a che livello di manicomio siamo?» conclude.

Leggi anche:  Spara 7 colpi d'arma da fuoco dalla finestra: 58enne denunciato a Procida

Manicomio però che risiede in Campania. Dimentica, infatti, che il garante della privacy ha decisamente bocciato la tessera campana. Secondo il garante infatti «l’iniziativa è priva di una idonea base giuridica. Disposizioni di questa natura, che condizionano diritti e libertà personali sono ammissibili, infatti, solo se previsti da una idonea normativa nazionale e non da un’ordinanza regionale».

Pubblicità

Idonea normativa nazionale che potrebbe emanare solo il Governo Draghi e non Vincenzo De Luca. Senza contare che il Green pass adempie già a tutto quello che dovrebbe fare la tessera campana. La differenza? Quella campana è costata fior di milioni pubblici, che probabilmente dovranno essere spesi di nuovo una volta scadute le tessere già stampate.

 

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Tenta di strangolare moglie allettata, arrestato 81enne

Ha pensato di aver ucciso la moglie, ma la donna era ancora viva Ha tentato di strangolare la moglie allettata e poi ha chiamato i...

Sottoposti a controllo, navighiamo a ‘vista’ seguendo la rotta che altri tracciano per noi

Ricordo che non molto tempo fa qualcuno mi disse che le «conquiste sociali» si chiamavano così perché per ottenerle, c’è stato chi ha dovuto...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook