Federproprietà Napoli

Covid-19, focolaio a Malta: 120 ragazzi italiani in quarantena. Cinquanta i positivi

Pubblicità

Circa 120 ragazzi italiani sono stati posti in quarantena a Malta. Tra di loro, almeno secondo quanto emerso fino a ora, 50 sarebbero risultati positivi al Covid-19. Sono ragazzi che erano sull’isola in vacanza o studenti delle scuole estive di lingua inglese, che ora sono state chiuse.

Pubblicità Federproprietà Napoli

I giovani avevano iniziato il 6 luglio a fare i tamponi per rientrare in Italia e in quell’occasione si è scoperto il contagio. Gli altri sono costretti alla quarantena perché entrati in contatto con i compagni infettati. Sono presenti almeno 30 minorenni.

I ragazzi sono in contatto con l’ambasciata italiana

Ieri l’ambasciata, in continuo contatto telefonico con i ragazzi, ha organizzato in collaborazione con le autorità un servizio di trasporto per radunare gli studenti al Corinthia Marina, a Saint Julian, riconvertito in Covid Hotel, al quale nessuno può avere accesso.

«Al momento, la maggior parte degli studenti e degli altri giovani positivi si trova in un Covid hotel dedicato. Vi sono altri casi e contatti di individui positivi a noi noti in quarantena in altre strutture recettive» ha spiegato l’ambasciatore italiano a La Valletta, Fabrizio Romano, intervistato all’Adnkronos. Il personale dell’ambasciata italiana sull’isola ha fatto avere ai ragazzi medicinali e beni di prima necessità.

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Regione Campania, Zinzi eletto presidente della Commissione anticamorra

«L’elezione a presidente della Commissione che si propone di essere faro di legalità contro la camorra e stimolo alla valorizzazione dei beni confiscati è...

Scuola, da oggi nuovo protocollo anti covid-19 per la gestione dei positivi

Secondo le nuove regole la quarantena scatta in automatico solo in base a un piccolo focolaio con tre casi in una classe Il Covid rialza...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter