Federproprietà Napoli

Reddito a condannati per camorra, sequestrati beni per 700mila euro a Napoli e provincia

Pubblicità

I percettori indebiti del reddito di cittadinanza ancora nel mirino dei militari della Guardia di Finanza di Napoli che questa mattina hanno eseguito 60 perquisizioni nei confronti di altrettanti nuclei familiari che avrebbero ricevuto il benefit senza averne diritto, perché aventi tra i componenti persone condannate per reati di tipo mafioso.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Le Fiamme Gialle, sotto il coordinamento della Procuradi Napoli, hanno sottoposto a sequestro anche somme per circa 700mila euro indebitamente percepite dagli indagati nel periodo tra aprile 2019 e aprile 2021 e le carte prepagate utilizzate per l’erogazione del beneficio.

L’operazione di oggi rappresenta un’evoluzione dei primi interventi condotti a gennaio direttamente nei confronti di oltre 100 beneficiaridel reddito di cittadinanza condannati in via definitiva perassociazione mafiosa.

Le perquisizioni e i sequestri sono stati eseguiti in diverse zone della città di Napoli, tra le quali, Miano, Scampia, Secondigliano, Soccavo, Pianura, Fuorigrotta, Poggioreale, Barra e Ponticelli, e in altri comuni della provincia partenopea, tra cui, Ercolano, Portici, Pozzuoli, Qualiano, Melito di Napoli, Casoria e Mugnano di Napoli.

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Da produzione industriale segnali di ripresa ma serve un lockdown alle tasse

A febbraio 2021 l'Istat stima che l'indice della produzione industriale aumenti dello 0,2% rispetto a gennaio. Nella media del trimestre dicembre-febbraio il livello della produzione...

Centrodestra annuncia intensa su Roma e Torino. Ancora in bilico Milano, Napoli e Bologna. E intanto si sblocca lo stallo al Copasir

Si sblocca lo stallo al Copasir, eletto presidente Adolfo Urso. La Lega non partecipa al voto Roma e Torino sì. Napoli, Milano e Bologna dovranno...

Ultime notizie

ilSud24

Il nostro sito si fonda su lettori come te che leggono gratuitamente.
Sostienici con un like su Facebook alla pagina ufficiale