Federproprietà Napoli

Senato, respinta la mozione di sfiducia a Speranza. Le contraddizioni della Lega

Pubblicità

Respinte la mozione di sfiducia presentate contro il ministro della Salute Roberto Speranza. Il governo Draghi si è compattato e con 221 voti contrari, 29 a favore e 3 astenuti ha bocciato la proposta di Fratelli d’Italia. Analogo risultato per le mozioni proposte dal senatore Paragone e di ‘L’alternativa c’è’.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Mozione, quella di Fratelli d’Italia, che ai più è sembrata una mossa per mettere alle strette la Lega, fino a pochi mesi fa tra i primi detrattori del ministro della Salute all’epoca del governo Conte e oggi allineato ai dettami del premier Draghi. E infatti la Lega ha deciso di non appoggiare la scelta di FdI, così come Forza Italia, Udc e Cambiamo del governatore Ligure Toti.

Le contraddizioni di Salvini però non sono finite e poco dopo il voto ha affermato: «Spero che presto Speranza possa essere un collega di Arcuri». Domenico Arcuri che è stato deposto da Draghi. Secondo Salvini oggi si trattava di un voto di sfiducia al premier e il leader del Carroccio ha ribadito: «Io ho fiducia in Draghi».

«Le mozioni – aveva affermato questa mattina Speranza in Senato – indicano che il piano pandemico non è stato aggiornato: fanno riferimento a un lungo periodo in cui ci sono stati 7 governi , tutti i gruppi hanno sostenuto alcuni di questi governo, ed è troppo facile oggi far finta di non vedere. Ho fiducia nel lavoro della magistratura e credo che chiunque abbia avuto responsabilità debba essere pronto a rendere conto delle proprie azioni. Adesso il piano pandemico antifluenzale c’è , quello che non è stato fatto in anni è stato realizzato nel mio mandato».

Leggi anche:  Ospedale di Boscotrecase, Pentangelo (Fi): «Speranza chiarisca la situazione con indagine ministeriale»
Pubblicità

«Resterò sempre distante dalle polemiche che danneggiano il prestigo dell’Italia – ha aggiunto – e rendono più difficile il lavoro. Comprendo le ragioni della battaglia politica ma la politica non è un gioco d’azzardo sulla pelle dei cittadini. In un grande Paese non si fa politica su una grande epidemia».

Leggi anche:  De Luca: «Calo dei vaccini colpa di reddito di cittadinanza e lavoro nero». Che fantasia!

«Nessuno dovrebbe mai dimenticare che il nemico è il virus e che dovremmo essere più uniti che mai nel combatterlo, evitando di cadere nella tentazione di utilizzare la lotta alla pandemia per ragioni strumentali. È con amarezza che vedo prevalere invece lo scontro politico, spesso anche alimentando un linguaggio di odio che non può mai essere accettato. Si afferma il tentativo di sfruttare l’angoscia degli italiani per miopi interessi di parte: è sbagliato, perché produce danni enormi, non a me o al governo, ma al Paese che deve restare unito in un passaggio delicato», ha concluso il titolare del dicastero della Salute.

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Imprese, Meloni incontra Bonomi: urgono misure per fare fronte alla situazione economica

Il Presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, e il Direttore Generale, Francesca Mariotti, hanno incontrato a Roma il Presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni e...

Coronavirus, centinaia di sbarchi in Sicilia nonostante il divieto. Musumeci tuona: «Non siamo carne da macello»

Sospesi i collegamenti e i trasporti ordinari delle persona da e per la Sicilia per contere il contagio da Coronavirus. Questo l'annuncio dato meno...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Twitter

Facebook