Federproprietà Napoli

Agrigento, azzeravano i contachilometri delle auto: frode in commercio a Campobello di Licata

Pubblicità

Azzeravano i contachilometri delle auto messe in vendita. È quanto scoperto in un autosalone con sede a Campobello di Licata, in provincia di Agrigento, dove i carabinieri dello locale stazione hanno eseguito un provvedimento di sequestro preventivo emesso dal gip del Tribunale di Agrigento nei confronti dell’attività commerciale specializzata.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Stando a quanto emerso dall’indagine coordinata dal procuratore della Repubblica di Agrigento Luigi Patronaggio e condotta dai militari dell’Arma, alle auto venivano azzerati i contachilometri per essere messe in vendita a prezzi molto più alti, ritenuti “fuori mercato” e variarne la qualità rispetto a quella dichiarata dal cliente.

Ciò, ha fatto scattare tre denunce a carico dei gestori dell’autosalone e il sequestro preventivo di ben 28 automobili di diverse marche e modelli pronti ad essere vendute. Gli indagati dovranno rispondere di frode in commercio.

«Ancora una volta è da segnalare la funzione sociale dell’Arma, che anche nei suoi piccoli comandi è vicina alla gente e si adopera perché la popolazione non rimanga vittima di qualsiasi tipo di reato, ancor più del reato di frode utilizzato da persone che fanno crescere la loro ricchezza sulle spalle degli altri che in loro hanno riposto la fiducia», si legge in una nota.

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Conte vede il fantasma di Draghi e dice sì al Mes

«L'Italia non ha firmato alcuna attivazione del Mes: non ha bisogno del Mes perché lo ritiene totalmente inadeguato e inadatto all'emergenza che stiamo vivendo»...

Governo, Draghi: «Manora espansiva. Dodici miliardi per ridurre le tasse»

Il premier punta dritto verso il ritorno alle pensioni con sistema contributivo, vara 'Quota 102' e annuncia: «più controlli per il Reddito di cittadinanza» Il...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter