Federproprietà Napoli

Ristorazione, persi 11,1 miliardi tra ottobre e dicembre. Confcommercio: «Graduale riapertura o sarà default»

Pubblicità

Per il settore ristorazione in Italia è profondo rosso. Una crisi innescata dalle misure anti Covid-19 e che il governo non è riuscita ad arginare. Nel quarto trimestre del 2020 il comparto ha perso 11,1 miliardi di euro, chiudendo così con un -44,3% di fatturato rispetto allo stesso periodo del 2019. A certificarlo è l’Ufficio studi di Fipe-Confcommercio che ha elaborato i dati Istat diffusi stamani.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Un risultato determinato da quello che è stato, a tutti gli effetti, un secondo lockdown autunnale per il comparto della ristorazione che, complessivamente, lo scorso anno ha perso 34,6 miliardi di euro, il 36,2% rispetto al periodo pre Covid.

«Siamo davanti a un abisso apparentemente senza fine», commenta la Federazione italiana dei Pubblici esercizi, evidenziando che con «la fine di marzo si chiuderà, con ogni probabilità il quinto trimestre consecutivo con segno negativo per un settore che rappresenta, più di ogni altro, l’italianità».

«Un settore che, oltre a dare lavoro direttamente a 1,3 milioni di persone, rappresenta il terminale essenziale della filiera agroalimentare. Numeri che richiedono almeno una graduale riapertura per evitare che l’intero settore vada in default», conclude.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Bce, Matteo Salvini: «Rifondare l’Europa e ripensare il diritto di emettere moneta»

«Dopo la sentenza della Corte tedesca c’è un problema che emerge: rifondare l’Europa su principi nuovi e tornare ad avere un controllo sulla moneta...

Coronavirus, per la prima volta cala il numero dei malati. Decedute altre 454 persone

Per la prima volta dall'inizio dell'emergenza il numero degli attualmente positivi al coronavirus è in calo rispetto al giorno prima. Ad oggi sono complessivamente...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook