Federproprietà Napoli

Scuola, il Tar Campania: in aula i bambini della quarta e quinta elementare

Pubblicità

In Campania, da domani 21 gennaio 2021, i bambini di quarta e quinta elementare potranno ritornare tra i banchi. E’ questo l’effetto della pronuncia del Tar della Campania che questa mattina ha accettato il ricorso di alcune mamme contro la Dad.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Il Tar della Campania si è pronunciato sull’ordinanza relativa all’attività scolastica nella nostra regione, stabilendo l’adeguamento alle disposizioni nazionali per quanto riguarda la scuola Primaria» si legge in una nota della Regione.

L’ente di Palazzo Santa Lucia «ricorda che la Regione aveva già consentito l’attività didattica in presenza fino alla terza classe elementare, cui si aggiungono ora anche la quarta e la quinta, a partire da domani, 21 gennaio 2021».

«Rimangono in vigore le disposizioni regionali relative alla scuola secondaria di primo grado, le cui attività in presenza restano pertanto sospese fino al 23 gennaio – si spiega – Per la Secondaria di II grado si deciderà, come previsto nell’ordinanza regionale, dopo il 23 gennaio alla luce delle verifiche dell’Unità di Crisi».

Pubblicità

«A breve sarà emanata un’ordinanza che riassumerà l’insieme delle decisioni relative all’attività scolastica, coerenti con quanto stabilito. Sarà consentito ai sindaci e alle autorità sanitarie locali di assumere decisioni connesse ai contesti locali».

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Delmastro (FdI): «Da Di Matteo agghiacciante richiamo alla realtà»

Il deputato: «Il Parlamento non si nasconda dietro incomprensibili e mal metabolizzati principi» «Agghiacciante richiamo alla realtà del dott. Di Matteo in audizione in commissione...

Litiga con un senza tetto e tenta di ucciderlo: arrestato un 22enne nel Napoletano

La vittima è stata trasferita nella casa di cura Villa dei Fiori Hanno litigato, e ha tentato di uccidere il suo «avversario». A Volla, nel...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook