E meno male che il Pascale c’è: primo in Italia per le sperimentazioni “no profit”

Pubblicità

Ennesimo primato dell’Istituto Nazionale Tumori – Irccs Fondazione Pascale di Napoli, primo in Italia per la promozione di sperimentazione cliniche “no profit” ovvero non finanziate dalle aziende farmaceutiche. Lo si rileva dall’ultimo rapporto sulla sperimentazione clinica dei medicinali. Rapporto pubblicato sul portale dell’Agenzia italiano del farmaco che attribuisce il riconoscimento, sulla base del numero di sperimentazioni no profit.

Pubblicità

Secondo quando si rileva dalla classifica redatta dall’Aifa le sperimentazioni cui è stato concesso il placet sono state ben 156, presentate da 88 enti. E a conquistare il primo posto fra questi per i placet ottenuti : 5 – seppure in condomio con il Gemelli di Roma e lo Ieo di Milano – è stato proprio il Pascale.

«E’ l’ennesima dimostrazione che, ormai, il Pascale rappresenta un vero e proprio punto di riferimento sia nazionale che internazionale nella ricerca clinica», sottolinea il direttore scientifico dell’Istituto, Gerardo Botti. «Cosa – continua – resa possibile dalle tantissime iniziative messe in campo per la promozione della sperimentazione clinica e per garantirne la qualità».

Da notare, in conclusione, che le sperimentazioni con farmaco “no profit”, non possono essere finalizzate o utilizzate, a fini di sviluppo industriale del farmaco prodotto.

Pubblicità

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità

Altri servizi

Coronavirus, risale la curva dei contagi in Italia: +4.492. Deceduti 662 pazienti

Dopo quattro giorni di calo, risale la curva dei contagi per coronavirus in Italia, lo informa la Protezione Civile nella consueta conferenza stampa delle...

Eroe per una volta, eroe per sempre. La storia di Mario Romano Mantegazza

Mario Romano Mantegazza, è deceduto i giorni scorsi, tra l'indifferenza quasi generale degli organi d'informazione, ma la sua fine, così come la sua vita,...

Gli articoli più letti

ilSud24

Il nostro sito si fonda su lettori come te che leggono gratuitamente.
Sostienici con un like su Facebook