Procida, chiede 20mila euro per non denunciare abusi: ai domiciliari assessore

L’assessore al Contenzioso e all’Acquedotto del Comune di Procida, Antonio Carannante, è stato posto agli arresti domiciliari all’alba dai carabinieri con l’accusa di tentativo di estorsione aggravata continuata ai danni di un imprenditore locale.

Pubblicità

Secondo quanto ricostruito dalle forze dell’ordine, l’assessore, che è avvocato, avrebbe chiesto 20mila euro a un imprenditore di 65 anni per non denunciare presunti abusi edilizi.

Il denaro doveva essere consegnato ad una donna, cliente dello studio legale dell’assessore e proprietaria di un immobile confinante con un terreno dell’imprenditore sul quale erano in corso lavori.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Dalle indagini, coordinate dal pm Woodcock, è emerso che dopo il rifiuto opposto dall’imprenditore a versare la somma sono seguiti sopralluoghi comunali sul cantiere ed un sequestro poi non convalidato dal Tribunale. Carannante – secondo gli investigatori – esercitava anche pressioni sui dipendenti dell’assessorato comunale all’edilizia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Setaro

Altri servizi

Riforma della Giustizia avanti: provvedimento entro la prima metà di maggio

Le ipotesi emerse dal vertice tecnico: 2 Csm, più laici e modifica sulla discrezionalità dell'azione penale Concorsi in magistratura separati, due Csm con aumento del...

Cassazione respinge il ricorso: Tony Colombo resterà in carcere

Il neomelodico arrestato con la moglie Tina Rispoli Resta in carcere Tony Colombo, il neomelodico arrestato dai carabinieri con la moglie Tina Rispoli per l’accusa...