Campania, è tornato lo sceriffo De Luca: controlli nelle stazioni e divieto di spostamento nelle seconde case

Mentre a livello nazionale si ragiona sulla possibilità di rivedere lo stop allo spostamento tra comuni (soprattutto nelle piccole città) nelle giornate del 25, 26 e primo gennaio (dopo il pressing di interi settori della maggioranza, in particolare al Senato con il dem Andrea Marcucci e Davide Faraone di Iv) in Campania, però, il governatore Vincenzo De Luca va avanti in senso opposto e stabilisce controlli rigorosi nelle principali stazioni ferroviarie, all’aeroporto di Capodichino e divieto di spostamento, per il periodo festivo, nelle seconde case anche in ambito regionale.

Pubblicità

«Sulla linea della prevenzione e del rigore – afferma una nota della Regione Campania – al fine di evitare quanto più possibile il contagio, e per limitare al massimo la mobilità in generale e fra i Comuni, viene approvata oggi un’ordinanza firmata dal Presidente Vincenzo De Luca, per stabilire, da questo fine settimana, controlli rigorosi nelle principali stazioni ferroviarie della Campania e all’aeroporto di Capodichino, per un’operazione di prevenzione e monitoraggio, che consenta anche individuare persone in movimento senza motivazioni o con sintomi».

«Si dispone, ugualmente, per il periodo festivo, il divieto di spostamento nelle seconde case anche in ambito regionale. È indispensabile avere oggi rigore e senso di responsabilità per evitare situazioni drammatiche già dal mese di gennaio» conclude la nota di De Luca.

Pubblicità Federproprietà Napoli

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Setaro

Altri servizi

Fisco, Giorgia Meloni spegne le polemiche: stop al Redditometro

La premier: Lotta all'evasione sì, ma contraria a meccanismi invasivi Un post in mattinata, un video in serata dopo un incontro con il viceministro al...

Torre Annunziata, Mariantonietta Zeppetella: «Da altre coalizioni dato politico sconcertante»

La candidata del M5S: «La verità è che si è perso anche il senso del comune pudore» «Il panorama elettorale offre un quadro davvero desolante...