Federproprietà Napoli

Napoli, i bambini ritornano a scuola. de Magistris: «Bene, ma attendiamo chiarezza»

Pubblicità

Da domani a Napoli ricominciano le lezioni in presenza nella scuola d’infanzia e prima elementare. La decisione è stata comunicata dal sindaco Luigi de Magistris. «Apprendiamo con soddisfazione che il Presidente della Regione Campania ha modificato il suo modo di operare sulle scuole in particolare per quanto riguarda le fasce dei più piccoli, quelle delle bambine e dei bambini della nostra comunità scolastica» ha affermato sottolineando il compiacimento per la decisione di De Luca e dell’Unità di Crisi regionale.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Ma al di là della soddisfazione, il primo cittadino proprio non ce la fa a non cercare la polemica con il governatore. «Apparve ai più spropositato e incomprensibile – spiega -, prima ancora che diventassimo zona gialla, che la Campania fosse l’unico luogo d’Europa in cui si chiudevano le scuole anche per i più piccoli. Anche durante la zona gialla, poi, mentre le scuole erano aperte nelle zone rosse, da noi continuavano a rimanere chiuse nonostante fosse documentato che non ci fosse una proliferazione dei contagi nelle scuole e che la didattica a distanza fosse oltremodo difficile, se non impossibile in alcuni casi».

«E’ evidente che a questo punto è necessario anche fare chiarezza perché altrimenti, un cambiamento repentino di questo tipo, di fronte alle notizie sull’aggravarsi della situazione sanitaria nella nostra regione, tanto da divenire zona rossa, rischia di apparire, da parte della Regione, incomprensibile, contraddittorio e confuso».

«Molti, infatti, ci stanno contattando in queste ore chiedendoci come mai, quando eravamo in zona gialla, la Regione ha raccontato che le scuole dovevano rimanere chiuse perché pericolose in quanto luogo di particolare diffusione di contagio e, adesso, di fronte invece ad una zona rossa, il Presidente della Regione fa una valutazione secondo la quale le scuole possono aprire. E’ necessario fare una operazione di chiarezza anche e soprattutto per tranquillizzare la comunità scolastica tutta» sottolinea.

Leggi anche:  Lavoro nero e reddito cittadinanza: chiusi autolavaggi e ristoranti
Pubblicità

«Stamani abbiamo immediatamente scritto al Presidente della Regione, all’Unità di Crisi e, per conoscenza, anche al Direttore dell’Ufficio scolastico provinciale allo scopo di farci avere, ad horas, i dati dei test antigenici effettuati e i dati sul contagio della città di Napoli suddivisi per quartiere e per luoghi in cui insistono le Scuole. Solo in questo modo potremo verificare se ci sono situazioni di particolare criticità su cui eventualmente intervenire».

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

 

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Caro carburanti, record storico per il prezzo della benzina: ancora aumenti alla pompa

La media nazionale in self service è vicina a quella dello scorso 17 marzo Già venerdì scorso la quotazione internazionale della benzina ha superato il...

Campania, Nonno: «Comparto danza in ginocchio. Chiesta la convocazione della terza Commissione Consiliare»

«Il comparto della danza è letteralmente in ginocchio a margine della pandemia da Covid19. Essa viene equiparata allo sport, con le consequenziali chiusure dettate...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook