Covid-19, no a lockdown nazionali: Italia divisa in 3 fasce | Conte in diretta dal Senato

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte parlerà, alle ore 17, nell’Aula del Senato per illustrare le nuove misure che saranno adottate nel dpcm allo studio.

Pubblicità

Le misure annunciate da Conte alla Camera dei Deputati

Il premier questa mattina è già intervenuto alla Camera dove ha spiegato i punti fondamentali del nuovo provvedimento che dovrebbe essere firmato nella giornata di domani. «La curva corre in ogni Continente. L’Ue all’interno di un quadro globale è una delle aree più colpite dall’urto della seconda ondata. Nelle ultime settimane l’incremento di casi Covid è stato di 150 contagi per ogni 100 mila abitanti ed anche nel nostro Paese la situazione è in peggioramento, la recrudescenza ha condotto ad una moltiplicazione significativa dei contagi» ha affermato il presidente del Consiglio sottolineando che «il quadro epidemiologico è in via di transizione verso lo scenario 4 con particolare riferimento ad alcune regioni».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Questa volta però non ci sarà un lockdown nazionale ma scenari differenziati. «Nel prossimo dpcm – spiega Conte – indicheremo 3 aree con tre scenari di rischio con misure via via più restrittive. L’inserimento di una Regione avverrà con un’ordinanza del ministro della Salute». Questi scenari dovranno tener conto dell’indice di replicabilità del virus, dei focolai e della situazione dell’occupazione dei posti letto negli ospedali. Ci sono specifiche criticità in Regioni e province autonome.

Saranno introdotti limiti agli spostamenti da e verso le regioni con elevati coefficienti di rischio salvo esigenze di lavoro, studio e salute. Il governo prevede di adottare a livello nazionale «limiti alla circolazione delle persone nella fascia serale più tarda».

«Per l’intero territorio nazionale – spiega Conte – intendiamo intervenire solo con alcune specifiche misure che contribuiscano a rafforzare il contenimento e la mitigazione del contagio». Verranno chiusi nei giorni festivi e prefestivi i centri commerciali ad eccezione di negozi alimentari parafarmacie e farmacie ed edicole dentro i centri. Chiusi i corner per le scommesse e giochi ovunque siano, chiuderanno anche musei e mostre. Tra le misure che il governo adotterà nelle prossime ore a livello nazionale si configura anche «la possibilità, per le scuole secondarie di secondo grado, di passare anche integralmente alla didattica distanza», «sperando si tratti di una misura temporanea».

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Setaro

Altri servizi

Truffa sui buoni pasto per lo Stato: gli ex vertici Edenred rischiano il processo

Chiesto il rinvio a giudizio per quattro persone La procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per quattro persone dopo la chiusura dell’indagine...

Incidente stradale a Napoli, scontro auto-scooter: ragazza in gravi condizioni

Portata all'Ospedale del Mare Una 23enne è rimasta gravemente ferita in un incidente stradale avvenuto a Napoli, nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, sul...