Federproprietà Napoli

Migranti, nuova rivolta nel centro d’accoglienza ‘Villa Sikania’ a Siculiana. In tre provano a fuggire

Pubblicità

Non si placano gli animi nel centro d’accoglienza di Villa Sikania, in provincia di Agrigento, dove alcuni migranti hanno dato vita ad una nuova rivolta. Si tratta della seconda protesta nell’arco di 24 ore. «Vogliamo andare via. Vogliamo essere trasferiti da Villa Sikania», hanno chiesto a gran voce gli ospiti della struttura che, questa mattina sono saliti sul tetto e si sono arrampicati sulle inferriate della recinzione.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Sempre oggi altri tre migranti, sono riusciti a fuggire dalla struttura: uno è scappato dal cancello principale mentre l’altro è riuscito a scavalcare la recinzione perimetrale. Le forze dell’ordine, impiegati nelle attività di sorveglianza, sono riusciti a bloccare i fuggitivi, riaccompagnandoli immediatamente presso il centro.

Si tratta dell’ennesima preoccupante rivolta verificatasi nel centro di accoglienza per extracomunitari di Siculiana. Nella notte fra giovedì e venerdì, infatti, un altro migrante, eritreo di 20 anni ha tentato la fuga ma è stato investito da un suv lungo la S.S. 115. L’ultima rivolta risale alla giornata di ieri, domenica, quando alcuni migranti hanno più volte manifestato il desiderio di andare via dalla struttura; rivolta che è spontaneamente rientrata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Caserta, Cirielli (FdI): «Solidarietà a Ricciardi, molotov contro la sua casa è episodio criminale»

L'incendio, per fortuna, non ha provocato vittime o gravi danni «Esprimo la mia solidarietà a Salvatore Riccardi, presidente del circolo di Fratelli d'Italia di Villa...

Violenze in carcere, il ministro Cartabia chiede approfondimenti

Il Ministero: «ferma condanna per la violenza e le umiliazioni inflitte ai detenuti» La ministra della Giustizia Marta Cartabia ha chiesto approfondimenti sull’intera catena di...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook