Federproprietà Napoli

De Luca indagato, Stefano Caldoro: «Favorisce esclusivamente il suo clan familiare e gli amici»

Pubblicità

«Sono garantista e credo che l’indagato debba rispondere all’autorità giudiziaria, io parlo del profilo politico a prescindere dall’indagine». Lo afferma Stefano Caldoro, candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Campania, commentando la notizia riportata questa mattina dal quotidiano ‘La Repubblica‘ secondo cui il governatore Vincenzo De Luca è sotto indagine per abuso d’ufficio e truffa per la promozione di quattro vigili urbani di Salerno a membri dello staff in Regione.

Caldoro, «Denuncia partita da un consigliere di centrodestra»

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Questa denuncia politica e istituzionale – ha detto Caldoro – è stata fatta da un consigliere regionale del centrodestra nel 2017. Io posso evidenziare il modello del clan De Luca, a prescindere dalle vicende giudiziarie, lui favorisce solo gli amici, poi rispettando o meno la legge lo deciderà la magistratura». L’oggetto dell’indagine, spiega «è una denuncia politica enorme, i suoi autisti possono essere aiutati e privilegiati, la sua famiglia deve essere aiutata e privilegiata, i figli, tutta la famiglia allargata, il suo segretario particolare diventa sindaco di Salerno, è il clan che favorisce solo i suoi amici, il problema è quello, non è aiutato il più bravo».

«Io penso che il presidente della Regione debba garantire i più bravi, che tutti quanti possano avere occasioni di diventare dirigenti, fare un concorso senza favorire gli amici. A noi interessa questo giudizio del clan, De Luca aiuta esclusivamente il suo clan familiare e il suo clan di amici stretti» conclude Caldoro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Conte accoglie i sindacati agli Stati Generali ma la scena sarà tutta per Colao

L’appuntamento è per questa mattina alle 9 a villa Pamphili. Dopo gli ospiti internazionali gli Stati Generali convocati dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte...

Sparò ferendo la piccola Noemi, pena ridotta in Appello per Armando Del Re

I giudici di secondo grado hanno confermato la condanna a 14 anni comminata in primo grado al fratello Antonio La Corte di Appello di Napoli...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook