Lampedusa, sbarcati 250 migranti. Sindaco e governatore ribadiscono: «Urge ‘stato d’emergenza’»

Nuova ondata di sbarchi a Lampedusa. Fra la notte scorsa e l’alba si sono registrati sette sbarchi autonomi direttamente sulla terraferma e il soccorso di un barchino nelle acque antistanti all’isola. Con gli otto sbarchi, l’ultimo con 52 migranti è in corso, sono giunte 250 persone circa. Nell’hotspot di contrada Imbriacola ci sono ora 950 persone, a fronte di una capienza massima di 95. La tensione resta alta.

Pubblicità

Migranti, il sindaco Martello: «Bisogna svuotare l’hotspot»

E’ di questa mattina l’appello del sindaco delle Pelagie Totò Martello che chiede aiuto a Roma per risolvere la situazione. «Bisogna svuotare immediatamente l’hotspot di Lampedusa dove per ora sono ospitate circa 950 persone», ha detto Martello.

«Non possiamo aspettare la nave domani – continua Martello – perché non sappiamo cosa accadrà per tutta la giornata e di notte. Non si possono tenere 1.000 persone dove possono esserne ospitate 95». «Non capisco – aggiunge – perché il presidente del Consiglio non dichiari lo stato di emergenza considerato che in due settimane abbiamo avuto 250 sbarchi. Cinquemila persone in 28 giorni numero superiore al 2011: in quel caso il governo dichiarò lo stato di emergenza». Proprio per questa emergenza il sindaco ha chiuso il centro. «Chi arriva starà sul molo» ha precisato il sindaco.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Lamorgese: «Ad agosto aumenteranno i rimpatri»

Luciana Lamorgese interviene sui migranti della Tunisia
Luciana Lamorgese

«Garantiremo la tutela della salute pubblica delle nostre comunità locali, ma i migranti economici sappiano che non c’è alcuna possibilità di regolarizzazione per chi è giunto in Italia dopo l’8 marzo 2020» spiega il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera.

Il governo «non può permettersi di abbassare la guardia perché i dati epidemiologici, non solo quelli relativi agli stranieri, ci dicono che dovremo usare molta cautela nei prossimi mesi». Tutti i migranti che sbarcano sulle nostre coste «sono sottoposti al test sierologico e poi al tampone. La quarantena è obbligatoria per tutti, ma prima di trovare posti dedicati il Viminale deve affrontare mille ‘no’ che arrivano da comuni e Regioni». 

Lamorgese ha parlato, inoltre dell’incontro a Tunisi con il presidente della Repubblica Kais Saied e il presidente incaricato, il ministro dell’Interno Hichem Mechichi: «Abbiamo concordato per agosto un incremento di rimpatri sui voli bisettimanali già riattivati lo scorso 16 luglio dopo lo stop imposto dal lockdown» e «abbiamo sollecitato anche modalità più flessibili per il rimpatrio, un gesto simbolico da parte della Tunisia, magari anche con l’utilizzo di navi per effettuare un numero consistente di rimpatri».

Musumeci: «Lampedusa sta di nuovo scoppiando»

Musumeci-Coronavirus
Il governatore Musumeci

Parole che non hanno soddisfatto il governatore Nello Musumeci. «Lampedusa sta di nuovo scoppiando. Al nostro grido d’allarme si aggiunge oggi quello del sindaco» ha affermato il presidente della Regione Siciliana.

Leggi anche:  Totò è un brand: lettere di diffida a pizzerie e ristoranti, dovranno cambiare nome

«Mi spiace – sottolinea – che in una lunga intervista al Corriere il ministro non abbia neppure pronunciato la parola Lampedusa. Eppure è luogo-simbolo in Europa e nel mondo. Quanto ancora si deve attendere per la proclamazione dello ‘stato di emergenza’ su quell’Isola da parte del governo centrale, richiesto da oltre un mese dal Comune e dalla Regione?».

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Setaro

Altri servizi

Ucciso dal vicino per una lite sul parcheggio: 74enne resta in carcere

L'ex guardia giurata ha confessato Resta in carcere il 74enne Armando Ortodosso, che sabato pomeriggio intorno alle 16 ha ucciso a colpi di pistola a...

Affitti non riscossi: anche i partiti morosi nei confronti del Comune di Napoli

La sinistra morosa per oltre 400mila euro Figurano anche partiti ed ex partiti politici tra gli affittuari degli immobili commerciali del comune di Napoli che...