Federproprietà Napoli

Dl Rilancio. de Bertoldi (FdI): «Agenzia Entrate conferma accesso a fondo perduto soltanto per studi più grandi. E’ discriminazione fra professionisti»

Pubblicità

«Che questo governo non avesse a cuore i liberi professionisti era ormai acclarato, ma dopo la circolare n. 15 di sabato dell’Agenzia Entrate sul contributo a fondo perduto del dl Rilancio, posso affermare che questi sono oggetto di una vera e propria discriminazione come accaduto per i limiti reddituali nel sussidio previsto dal dl Cura Italia». Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Andrea de Bertoldi, coordinatore della Consulta Parlamentari Commercialisti.

Dl Rilancio: «Solo gli studi professionali grandi potranno accedervi»

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Infatti, la circolare stabilisce che soltanto gli studi professionali più grandi, cioè quelli fino a 5 milioni di fatturato organizzati in società tra professionisti, potranno ottenere il contributo, mentre i tanti piccoli professionisti individuali saranno esclusi. Insomma, si è deciso di penalizzare maggiormente proprio i più deboli e quindi bisognosi di supporto. Veramente un ‘bel’ lavoro per una maggioranza, che ha ormai perso il contatto con la realtà, e pensa soltanto a pavoneggiarsi in eventi mediatici, mentre le Partite Iva ed i lavoratori del settore privato stanno ancora attendendo le promesse di marzo, dalla Cassa Integrazione ai prestiti Covid».

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Il Senato inventa il ‘voto a fiducia’ mentre l’Ue trova l’intesa. Niente eurobond, sì al MES. Ora il M5S aprirà la crisi?

Più che un voto di fiducia quello di ieri del Senato sul decreto Cura Italia è stato un voto a fiducia. Nel senso che...

Boscoreale, capannone agricolo in fiamme: rinvenuto un cadavere

Il cadavere carbonizzato di un uomo, la cui identità non è stato ancora possibile accertare, è stato ritrovato all'interno di un capanno agricolo andato...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter