Federproprietà Napoli

Coronavirus, troppe persone in strada. I sindaci di Afragola e Casoria chiedono l’intervento di De Luca

Pubblicità

Troppe persone in strada nella Fase 2 dell’emergenza Coronavirus e Claudio Grillo e Raffaele Bene, sindaci, rispettivamente, di Afragola e Casoria, comuni in provincia di Napoli, scrivono al governatore della Campania Vincenzo De Luca e al prefetto di Napoli, Marco Valentini, per chiedere «ogni utile strumento per ovviare alla grave situazione creatasi».

Coronavirus, i sindaci: «Troppe persone sui territori ingiustificatamente»

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Con l’avvio della fase 2 – si legge nella nota – si è notato un notevole incremento di persone presenti sui territori cittadini, spesso ingiustificatamente» sebbene persistano «le misure di contenimento della pandemia». Nella missiva Grillo rivela anche che Afragola e Casoria «nelle intenzioni mai comunicate della Regione, dovevano essere dichiarate ‘zone rosse’» per l’emergenza Coronavirus.

«Nonostante il notevole impegno profuso dalla Polizia Municipale non è possibile garantire il rispetto totale delle prescrizioni legislative» ecco perché i due sindaci chiedono «ogni utile strumento per ovviare alla grave situazione creatasi, onde evitare assembramenti in strada vietati dalle norme cogenti» e «prevenire una possibile recrudescenza della pandemia».

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità

 

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Luana D’Orazio, rifiutata offerta di risarcimento da 1,1 milioni. La famiglia: «Incongruo»

L’udienza preliminare fissata per il prossimo 7 aprile La compagnia assicurativa Unipol avrebbe presentato ai familiari di Luana D’Orazio, l’operaia di 22 anni morta il...

Covid-19, in Campania 6 casi di ‘variante inglese’: sono passeggeri provenienti dal Regno Unito

Sei passeggeri provenienti dal Regno Unito sono risultati positivi alla cosiddetta variante inglese del Covid-19 perché presentano le mutazioni del gene S tipiche di...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook