Tradizioni gastronomiche napoletane a Pasqua: il connubio fra storia, sapore e spiritualità

Pasqua a Napoli non è solo una festività, ma una vera e propria celebrazione della storia, della cultura e, soprattutto, della gastronomia che caratterizza questa città ricca di tradizioni. Il pranzo di Pasqua in questa perla del Mediterraneo è un momento in cui il sacro e il profano si intrecciano, dando vita a una tavola imbandita che racconta storie di generazioni.

Pubblicità

La «fellata» segna l’inizio di questo pranzo sontuoso: un trionfo di affettati, uova sode e formaggi che accoglie i commensali in un abbraccio di sapori. E poi ci sono loro, il casatiello e il tortano, due icone della tradizione pasquale che, pur condividendo ingredienti simili, si distinguono per caratteristiche uniche che ne fanno tesori della cucina partenopea.

Il casatiello: simbolo di festa e condivisione

Il casatiello è un vero capolavoro di gusto, una ciambella lievitata che racchiude al suo interno il gusto intenso del salame, del pecorino e del provolone, il tutto arricchito da un tocco di pepe nero. La sua particolarità sta nelle uova sode, incastonate sulla superficie e tenute in posizione da croci di pasta, che simboleggiano la rinascita e la festività pasquale. Questo rustico, così ricco e invitante, è un elemento imprescindibile delle tavole napoletane durante le festività di Pasqua, simbolo di condivisione e di comunità.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Il tortano: una corona di gusto

Il tortano, d’altra parte, si presenta con una forma simile a quella del casatiello ma racconta una storia differente. Le sue origini si perdono nella notte dei tempi, ma una cosa è certa: ogni morso è un viaggio nella tradizione. Le uova sode, in questo caso, sono nascoste all’interno dell’impasto, come gemme preziose in un tesoro di sapori che includono cicoli, formaggio e strutto. La sua forma a corona, creata dall’intreccio di cordoni di pasta, rimanda alla passione di Cristo, simboleggiando la corona di spine.

Oltre il rustico: la tavola pasquale napoletana

Il pranzo pasquale napoletano prosegue con la minestra maritata, un piatto che unisce carne e verdure in un connubio perfetto di sapori, e l’agnello, preparato secondo tradizione, con patate o piselli, che porta in tavola il sapore della festa. E per concludere in bellezza, la pastiera napoletana, dolce che più di ogni altro simboleggia la Pasqua a Napoli, con il suo cuore di ricotta, grano e fiori d’arancio, un inno alla primavera e alla rinascita.

La cucina napoletana a Pasqua è un’esperienza che va oltre il semplice atto del mangiare e si trasforma in un momento di condivisione profonda, in cui ogni piatto racconta una storia, ogni sapore è una memoria.

 

Setaro

Altri servizi

L’amico di Francesco Pio Maimone: «Voleva abbracciarmi e mi chiamava»

Il testimone: «Ho sentito 3-4 colpi» «Aveva una mano al petto e con l’altra voleva abbracciarmi... diceva ‘Carlo’, non è riuscito a ripeterlo, si è...

Parte il G7 di Capri: isola blindata con 1400 uomini

Dispositivi di sicurezza rafforzati anche a Napoli È blindata l’isola di Capri, isola-gioiello di fronte Napoli, che da oggi accoglie la riunione dei ministri degli...