Scacco ai clan a Nord di Napoli: il boss innominabile per paura delle intercettazioni

Nuove accuse per Francesco Pezzella

Il suo nome non si doveva pronunciare, era un boss ‘innominabile’ Francesco Pezzella, a cui oggi i carabinieri di Giugliano in Campania e Caivano, hanno notificato nuove accuse nell’ambito di una indagine che lo pone al vertice di una organizzazione malavitosa attiva a Nord di Napoli.

Pubblicità

A descrivere la sua figura è l’ex capo di un gruppo malavitoso locale, Pasquale Cristiano, divenuto nel frattempo collaboratore di giustizia. Pezzella temeva costantemente di essere intercettato e ai suoi uomini era negata la possibilità di pronunciare il suo nome: per indicarlo utilizzavano un gesto, si toccavano il mento, per indicare una persona con la barba.

Sempre secondo i pentiti era lui a effettuare le scelte strategiche e, verosimilmente, sarebbe stato lui a ordinare l’omicidio di tre persone ritenute responsabili di avergli ucciso il fratello Mario e colpevoli anche di avere chiesto il «pizzo» senza il suo benestare.

Setaro

Altri servizi

Scontro tra una bici e un camion Asia: deceduta una studentessa

La ragazza aveva solo 27 anni Una studentessa tedesca è morta dopo essere rimasta gravemente ferita in un incidente stradale a Napoli. Alla guida di...

Spedizione punitiva fuori dalla chiesa: 5 fermati

Fanno tutti parte di un nucleo familiare che ha aggredito alcuni vicini usando mazze da baseball, martello e pistola Cinque fermi per la spedizione punitiva...