Omicidio di Matilde Sorrentino, confermato l’ergastolo per Francesco Tamarisco

La donna fu ammazzata perché denunciò gli orrori della pedofilia a Torre Annunziata

Con le sue denunce, a fine anni ’90 Matilde Sorrentino svelò gli orrori della pedofilia nella scuola del rione Poverelli di Torre Annunziata (Napoli), per questo nel 2004 fu uccisa. Oggi, la Corte d’Assise d’appello di Napoli (presidente Alfonso Barbarano) ha confermato la condanna all’ergastolo per Francesco Tamarisco, ritenuto il mandante di quella che fu definita la mamma coraggio di Torre Annunziata.

Pubblicità

Secondo l’accusa, Tamarisco – più volte condannato per traffico internazionale di stupefacenti – voleva punire la donna che con le sue denunce lo aveva coinvolto nello scandalo pedofilia, vicenda per la quale lui stesso fu arrestato e condannato in primo grado, prima di essere assolto in appello. Per farlo, si servì di Alfredo Gallo (che sta scontando già una condanna definitiva all’ergastolo), al quale riconobbe un ingaggio e un successivo vitalizio in carcere per comprarne il silenzio.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Camorra, Gratteri: «Dobbiamo puntare al darkweb, se no arresteremo straccioni»

Il procuratore: «Col cellulare si ordinano quintali di cocaina senza muovere un dito» «La Camorra dal punto di vista informatico è la mafia più evoluta....

Campi Flegrei, Sangiuliano a Pozzuoli: «La prima cosa è occuparsi delle persone»

Il ministro: «Per i beni culturali al momento non si evidenziano criticità» Il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, si è recato oggi a Pozzuoli per...