Caivano, Bernini al Delphinia: vogliamo spiegare ai ragazzi che per loro ci sono tante possibilità

Il ministro: noi siamo qui per restare, questo non è uno spot

«Noi siamo qui per restare, questo non è uno spot». Lo dice a Caivano il ministro dell’Università e Ricerca Anna Maria Bernini. «La nostra idea è quella di portare l’anima del Ministero qui per favorire la vocazione di chi vuole dedicarsi all’arte, così come alla ricerca e gli studi superiori. Quello che noi cercheremo di fare è soprattutto orientamento. Partendo dalle scuole superiori vogliamo spiegare alle ragazze e ai ragazzi che per loro ci sono tante possibilità. Noi siamo qui, lo Stato è qui per aiutarli a crescere e valorizzare i loro talenti», aggiunge.

Pubblicità

«Stare in questo luogo significa tutto il nostro desiderio di portare via alla criminalità organizzata porzioni di territorio da consegnare ai giovani, alle persone anziane, alle famiglie – spiega ancora il ministro – solo attraverso l’arte, la cultura, la formazione, la speranza di una vita migliore che si ‘riprendono’ stabilmente i territori». «Come Mur abbiamo investito 5 milioni di euro alla riqualificazione degli immobili da destinare a enti di ricerca, alla formazione superiore, artistica, musicale e coreutica. Con i rettori e i rappresentati delle Afam stabiliremo come e dove farlo. Affinché’ sia stabile e duraturo», conclude Bernini.

«I luoghi parlano e noi stiamo qui per sentire quello che dicono», sottolinea Bernini ancora. Il ministro oggi a Caivano ha visitato il centro sportivo Delphinia, dove, terminata la prima bonifica da parte del Genio dell’Esercito, si punta a riqualificare il complesso teatro degli stupri di due cuginette. Nel programma del ministro, anche un vertice con i rettori delle università campane finalizzato a capire quali attività di orientamento implementare sul territorio. Bernini è stata accompagnata dal commissario per Caivano, Fabio Cicilano, ed è stata accolta anche da don Maurizio Patriciello.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Avellino, l’ex sindaco Festa intercettato: «Dove c’è gusto non c’è perdenza»

Gianluca Festa è accusato di «sollecitazioni illecite» «Dove c'è gusto non c'è perdenza» dice il sindaco di Avellino, Gianluca Festa, a uno degli imprenditori che...

Attentato alla caserma, Cassazione ribadisce: Alfredo Cospito sconterà 23 anni

Alfredo Cospito è detenuto al regime del 41 bis nel carcere di Sassari Diventa definitiva la condanna a 23 anni di carcere per l’anarchico Alfredo...