Migranti, Giorgia Meloni sfida Berlino: non si può fare solidarietà con i confini degli altri

La premier incassa il sostegno di Macron

Una «controproposta italiana», se la Germania insisterà col voler fare «passi indietro» sulla regolamentazione delle Ong. Giorgia Meloni lancia il suo guanto di sfida a Berlino. E a Malta incassa le «convergenze» dei Med9, con l’esplicito sostegno di Emmanuel Macron al piano in 10 punti di Ursula von der Leyen: per affrontare l’emergenza migranti che rischia di «travolgere tutti», avverte la premier, se non si troveranno «soluzioni strutturali». Bisogna essere «seri», ripete, sui migranti come sulla gestione dei conti pubblici.

Pubblicità

La lista dei ministri

Nessun timore, né dello spread né dei mercati, risponde ai cronisti Meloni, dopo che il differenziale tra Bund e Btp ha toccato i 200 punti all’indomani della presentazione della Nadef. «Avete già fatto la lista dei ministri..» la battuta con cui, da sola, introduce anche il tema del governo «tecnico». Le preoccupazioni per lo spread, che è stato ben più alto gli anni scorsi, «la vedo soprattutto nei desideri di chi come sempre immagina che un governo democraticamente eletto debba andare a casa». La speranza, dice sferzante, «è dei soliti noti». Ma «la sinistra continui a fare la lista dei ministri del governo tecnico che noi intanto governiamo». E’ «in paranoia», a stretto giro, la risposta del Pd.

Il piano di azione

Meloni si presenta ai giornalisti in una pausa dei lavori del vertice dei Paesi Ue del Mediterraneo, dopo essersi confrontata per mezz’ora con Macron e la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, sul piano di azione lanciato a Lampedusa.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Lo sosteniamo e proponiamo ai colleghi di implementarlo al più presto», dice il presidente francese, ricordando che l’ondata che ha toccato l’isola italiana è «eccezionale» e «tutti dobbiamo dare solidarietà all’Italia e ai porti di primo approdo». Una linea che si ritrova anche nel documento finale dei Med, che ricalca in buona parte, al capitolo migranti, le posizioni italiane sulla necessità di una risposta europea coordinata, sul faro sui confini esterni e sull’Africa, citando esplicitamente, il «processo di Roma». E l’accordo sulla Tunisia, da «implementare rapidamente».

La questione delle Ong

Macron però, per ammissione della stessa premier, non è entrato nella questione delle Ong. Non un dettaglio nei giorni in cui a Bruxelles e sull’asse Roma-Berlino sta andando in scena uno scontro durissimo. L’Italia, è il messaggio che manda Meloni al cancelliere Olaf Scholz, con cui pure ci sono stati «contatti» nelle ultime ore, non ha intenzione di arretrare sulla battaglia per limitare al massimo l’attività delle organizzazioni non governative nel Mediterraneo.

Sull’emendamento che chiede di escludere i salvataggi delle Ong dai potenziali casi di «strumentalizzazione dei migranti» Roma, spiega la premier, «ha chiesto tempo». Ma al momento non sembrano esserci le condizioni per un compromesso. Per l’Italia si tratta di «un passo indietro». Se resta sul tavolo, dice il capo del governo, «allora noi proponiamo un altro emendamento in forza del quale il Paese responsabile dell’accoglienza dei migranti che vengono trasportati sulla nave di una Ong è quello della bandiera della nave».

Leggi anche:  Schifone: «Scene pirandelliane al Sannazaro. Quanto dovrà pagare ancora la Campania?»

Le Ong che «raccolgono i migranti», le fa eco il ministro degli esteri Antonio Tajani, «li portino nei loro Paesi». C’è ancora una settimana che separa dal Consiglio Ue informale di Granada, «rimaniamo cooperativi», assicura la premier, «però ciascuno si assuma le responsabilità delle scelte politiche che porta avanti. Noi abbiamo una linea, altri ne hanno un’altra. Il problema è non scaricare la linea di uno sugli interessi dell’altro». Non si può, insomma, «fare solidarietà con i confini degli altri».

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Lavoro nero, appalti irregolari e stop ai bandi: Governo studia stretta contro le stragi

Un piano per rafforzare salute e sicurezza Stretta sul lavoro nero e sugli appalti irregolari, fino allo stop dai bandi. Il governo mette a punto...

Frodi fiscali e riciclaggio, smantellata organizzazione: 108 indagati | Video

Eseguite 15 misure cautelari All’alba di questa mattina, circa 350 militari tra Finanzieri del Comando Provinciale di Reggio Emilia e di altri Reparti, nonché del...