Campi Flegrei, Musumeci: «Del bradisismo, più che preoccuparci dobbiamo occuparci»

Il ministro ha incontrato i sindaci dell’area

«Del bradisismo, più che preoccuparci dobbiamo occuparci». Così il ministro per la Protezione civile e le Politiche del mare, Nello Musumeci, al termine dell’incontro di oggi a Palazzo Chigi con i sindaci dei Campi Flegrei, dopo l’aumento delle scosse dell’ultimo periodo in quell’area. Francesca Bianco, dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, ha sottolineato l’«imprevedibilità del fenomeno sismico nella sua evoluzione, anche se una magnitudo superiore a quattro non è da escludere».

Pubblicità

Il Dipartimento della Protezione civile, dal canto suo, ha assicurato la implementazione della zonazione sismica e del monitoraggio su tutta l’area, anche se, è stato ricordato, «non esistono risposte assolute di fronte al rischio sismico».

Alla fine del vertice, durato oltre due ore, il ministro Musumeci ha proposto quattro obiettivi su cui lavorare, in sintonia tra governo, Regione, Comuni e comunità scientifica: un Piano di analisi della vulnerabilità del territorio, finanziato dalla Protezione civile nazionale; un Piano della comunicazione alla popolazione, che preveda anche il coinvolgimento degli alunni delle scuole primarie dei Comuni Flegrei; l’aggiornamento del Piano di emergenza e delle vie di fuga, anche con apposite esercitazioni periodiche, con una verifica della rete infrastrutturale.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Lavorare per garantire un clima di serenità

«Comprendo le preoccupazioni espresse dai sindaci sulla percezione che i cittadini hanno del rischio, spesso a causa di una cattiva e non appropriata comunicazione – ha detto Musumeci -. Tenuto conto che in Italia non esistono territori a rischio zero, dobbiamo tutti lavorare per garantire anche in quell’area un clima di serenità, nella consapevolezza della vulnerabilità di quel territorio: senza dannoso allarmismo ma anche senza sottovalutazioni. Ci rivedremo nei prossimi giorni per mettere a punto gli obiettivi fissati ed individuare le prime necessarie risorse finanziarie. Il governo seguirà questo fenomeno naturale e le sue evoluzioni con la necessaria attenzione».

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Piazza di spaccio al Piano Napoli: in carcere «palo» e «vedette»

Cinque persone arrestate dai carabinieri I militari della compagnia Carabinieri di Torre Annunziata hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere emessa dal...

Stupro di gruppo a Palermo, il giudice: il minorenne fu disumano e non è pentito

L'allora 17enne l’avrebbe colpita con schiaffi per svegliarla Negli atti dello stupro di gruppo ai danni di una ragazza oggi ventenne, consumato lo scorso 7...