Estorsione, armi e intralcio della Giustizia: scacco ai clan di Ponticelli

In manette sono finite 9 persone

Alle prime luci dell’alba personale della polizia di Stato e dell’arma dei Carabinieri hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 9 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di tentata estorsione, detenzione e porto d’arma comune da sparo e intralcio alla giustizia, tutti commessi con l’aggravante dalle modalità mafiose.

Pubblicità

Il provvedimento è stato emesso in seguito ad una articolata attività d’indagine coordinata dalla Dda di Napoli, svolta dal Nucleo Investigativo e i Carabinieri della Tenenza di Cercola e dalla Squadra Mobile di Napoli e dal Commissariato di Ponticelli a maggio scorso in seguito alla denuncia presentata dal gestore di un ristorante a Volla per le richieste estorsive ricevute tra aprile e maggio.

Le indagini hanno permesso di identificare i probabili autori dei reati e l’esistenza di un nuovo cartello criminale composto da esponenti dei clan Aprea, De Martino/De Micco e Mazzarella, operante nel quartiere Ponticelli, riconducendo poi specifiche responsabilità in capo agli elementi apicali dell’organizzazione disarticolata del direttivo.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Il ddl Autonomia differenziata è legge: dai Lep ai tempi di attuazione

Le richieste di autonomia partono su iniziativa delle stesse regioni sentiti gli enti locali Il ddl sull’Autonomia differenziata delle Regioni a statuto ordinario è una...

Napoli, ricostruito l’elenco delle opere sottratte ai Girolamini dopo la II guerra mondiale

Sono oltre 200 gli oggetti trafugati dalla Chiesa dei Girolamini di Napoli Sono oltre 200 gli oggetti trafugati dalla Chiesa dei Girolamini di Napoli e...