Incendio della Venere degli stracci, il gip convalida il fermo del clochard

In un video l’uomo ripreso 15 secondi prima del rogo

Il gip di Napoli Ambra Cerabona ha convalidato il fermo emesso nei confronti di Simone Isaia, il clochard 32enne ritenuto dalla Polizia e dalla Procura di Napoli l’autore del rogo che ha mandato in cenere la Venere degli stracci di Michelangelo Pistoletto, a Napoli.

Pubblicità

Riconosciuti sussistenti entrambi i reati contestati dalla Polizia di Stato e dalla Procura di Napoli (sostituto procuratore Federica D’Amodio della V sezione coordinata dal procuratore aggiunto Pierpaolo Filippelli): incendio doloso e distruzione di un bene culturale di rilevante importanza. Per confronti dell’indagato è stata emessa la misura cautelare del carcere.

L’uomo ha negato, anche davanti al gip di Napoli, di essere il responsabile dell’incendio. Ma, secondo quanto emerso dalle indagini della Questura di Napoli, coordinate dalla Procura partenopea, sembrerebbe essere proprio lui colui che all’alba dello scorso 12 luglio in piazza Municipio si avvicina all’opera, che 15 secondi dopo prende fuoco.

Pubblicità Federproprietà Napoli

La circostanza è frutto dell’analisi delle immagini dei sistemi di videosorveglianza acquisiti dagli investigatori della Squadra Mobile di Napoli (coordinata dal primo dirigente Alfredo Fabbrocini) che stanno indagando sulla vicenda. Quando venne fermato, inoltre, nelle tasche del senza fissa dimora la Polizia di Stato trovò una decina di accendini.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Stesa all’alba nel cuore del centro storico di Napoli

Due bossoli trovati in vico Campanile ai Santi Apostoli. Nella zona registrata la presenza sia dei Mazzarella che dei Contini Colpi d’arma da fuoco segnalati...

Torre del Greco, un sequestro da oltre 260mila euro per omessa dichiarazione

Il provvedimento emesso nei confronti di una società operante nel trasporto delle merci su strada Militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata...