Michelle uccisa con 6 coltellate e trasportata con un carrello della spesa

Arrestato un 17enne di cui era amica

Prima le urla, poi la furia omicida. Un coltello da cucina, almeno sei fendenti, per uccidere Michelle Maria Causo, massacrata mercoledì da un 17enne di origini srilankesi in un appartamento di via Dusmet, nel quartiere Primavalle a Roma. Il giovane dall’alba di ieri è in carcere: per tutta la notte è stato ascoltato dagli agenti della Squadra Mobile che assieme ai colleghi del commissariato lo hanno bloccato con le scarpe ancora sporche di sangue.

Pubblicità

Sangue colato anche dal carrello della spesa dove il ragazzo, in un orribile tentativo di sbarazzarsi del corpo, aveva messo il cadavere della vittima chiuso in un sacco nero dell’immondizia. Per lui l’accusa è omicidio volontario ma non è escluso che potrebbe essergli contestato anche l’occultamento di cadavere. I due non stavano insieme, lei non era incinta, spiegano gli inquirenti che per tutta la giornata hanno ascoltato testimoni, tra cui anche i genitori della giovane.

La rabbia dei genitori

«Quel negro di m… me l’ha massacrata, voglio giustizia», ha detto la madre di Michelle rientrando in casa per poi aggiungere: «Io l’ho visto due o tre volte era molto educato, più del dovuto, lo avevo detto anche a mia figlia». Insomma di quel ragazzo qualcosa non le tornava. Ma della figlia si fidava: «Ieri ci aveva detto che usciva un po’ con gli amici, verso le 11, ha detto che sarebbe tornata presto a casa e avrebbe cucinato per il nonno. Ma al telefono dalle 12.50 non ha risposto più».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Il padre non si dà pace. «Senza motivo ce l’hanno ammazzata, come un cane. Gli amici dicevano che lui era un ragazzo a modo, meglio di noi, meglio degli italiani». I genitori di Michelle avanzano anche un movente che gli inquirenti sembrano non trovare: «Forse era innamorato, lei l’ha respinto perché ce l’ha il ragazzetto che sta disperato dall’altra parte di Roma, stavano insieme da due anni».

Le indagini sull’orrore

Chi indaga, coordinato dai pm della procura per i Minori, sta mettendo in fila le tessere di un mosaico per cercare di ricostruire quanto avvenuto in quell’appartamento e le ultime ore di vita della ragazza. Per capire se si è trattato di un delitto d’impeto e per escludere eventuali complici che allo stato non ci sono.

«Il movente è da definire», si lascia scappare uno degli investigatori. Segno che l’aggressione potrebbe essere legata a vicende sentimentali, ad un approccio respinto, ma non solo. Un elemento è certo: Il 17enne, ora in carcere, frequentava brutti giri e dai video sui social non fa mistero della sua passione per droghe, denaro e violenza.

Le testimonianze

«Lui era in giri di spaccio», raccontano nel quartiere spiegando che già il giorno prima «Michelle aveva litigato con lui» e riavvolgendo il nastro della memoria un condomino assicura di avere sentito delle urla provenire da quell’appartamento mercoledì pomeriggio. «Ho sentito una discussione, delle urla», spiega una inquilina del palazzo di via Dusmet. Le fasi successive sono tutte da accertare, i pm disporranno l’autopsia. Michelle è stata colpita in più punti del corpo. Dopo l’omicidio, il 17enne ha deciso di portare via quel corpo.

Leggi anche:  Corruzione al Comune di Caserta: ai domiciliari l'assessore Marzo e altri 4

Un piano folle e orribile forse concepito in uno stato di alterazione: ad accorgersi che qualcosa di strano era accaduto sono stati i vicini che hanno visto quel sacco nero, messo alla bell’e meglio su un carrello, grondare sangue. «Cosa hai lì dentro? Ti serve una mano?», hanno chiesto al minorenne apparso visibilmente nervoso, forse anche in uno stato di alterazione. «Ho del pesce», ha tagliato corto rifiutando l’aiuto.

Una risposta evasiva, non sufficiente ad evitare che i vicini allertassero le forze dell’ordine che arrivate sul posto hanno ‘seguito’ il percorso fatto dal giovane grazie alle tracce di sangue sgocciolate dal carrello della spesa. Sul fronte delle indagini, intanto, lunedì è in programma l’interrogatorio di convalida davanti al gip. Anche in quell’udienza il ragazzo sarà chiamato a fornire la sua versione e a ritornare con la mente in quell’appartamento, che la polizia ha trovato a soqquadro. La casa dove è stata uccisa una ragazzina che due giorni prima aveva compiuto appena 17 anni.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Anziano trovato carbonizzato in casa nell’Avellinese

Al momento non si conoscono le cause del rogo Un uomo di 80 anni è stato trovato senza vita semi carbonizzato nella sua abitazione di...

Un detenuto suicida nel carcere di Ariano Irpino

Il 34enne era stato trasferito dal carcere di Carinola Un detenuto italiano di 34 anni si è suicidato nel carcere di Ariano Irpino, in provincia...